CITTA’ DI CASTELLO, ASL1 NIENTE ACQUA CON I PASTI AI MALATI, M5S INSORGE

Ventenne si sente male, mix di droga e alcol la manda in ospedale
Ospedale Città di Castello

Ospedale Città di CastelloCome risposta alla decisione, apparentemente dettata da logiche di taglio ai servizi, della Direzione ASL1 Città di Castello, di sospendere la dispensa di acqua con i pasti principali ai ricoverati presso i Presidi Ospedalieri di Città di Castello, Umbertide, Gubbio-Branca, il Movimento 5 Stelle di Città di Castello lancia la giornata “Water Day”: in data sabato 27/07/2013 alle ore 17 i ragazzi del M5S locale faranno il loro ingresso nel Presidio Ospedaliero di Città di Castello e distribuiranno delle bottigliette di acqua minerale ai ricoverati nei reparti di cura. Con questa azione simbolica il MoVimento si prefigge di sensibilizzare l’Amministrazione Sanitaria Territoriale e l’ Opinione Pubblica residente nei confronti di un servizio, a nostro avviso essenziale per i ricoverati, che non può essere soggetto a tagli indiscriminati. L’acqua è sacra, simboleggia la vita stessa. L’acqua è di tutti. Non la si nega ai malati. Non li si costringe a ricorrere a gettoniere. La spesa annuale per fornire acqua nei 3 presidi ospedalieri costa appena un terzo di quanto percepisce annualmente un solo dirigente. Difficile, o forse troppo facile, comprendere la logica che ha guidato la decisione di tagliare la distribuzione dell’acqua nei nostri ospedali. Marco Bani – MoVimento 5 Stelle Città di Castello

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*