“AIUTA LA TUA MANIFESTAZIONE, DESTINA IL CINQUE PER MILLE ALLA QUINTANA”

images(UJ.com3.0) PERUGIA – Una destinazione alternativa per il 5×1000 della dichiarazione dei redditi. “Aiuta la tua manifestazione, destina il cinque per mille alla Giostra della Quintana”. E’ questo lo slogan lanciato da Palazzo Candiotti a tutti coloro che, attraverso la destinazione del cinque per mille della propria dichiarazione dei redditi, vogliono sostenere fattivamente la grande Festa di Foligno. “Si tratta di una grande opportunità per contribuire all’ulteriore crescita della manifestazione – ha detto il Presidente dell’Ente, Domenico Metelli – e dimostrare così tangibilmente sostegno ed affetto a quella che è la più grande manifestazione della nostra città”. Anche quest’anno, infatti, l’Ente Giostra della Quintana di Foligno è tra gli organismi ammessi dallo Stato a beneficiare del cinque per mille in quanto possiede i requisiti perfettamente rispondenti a quelli previsti dalla normativa che offre la possibilità ai contribuenti di destinare una quota pari al cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità di interesse sociale.

Per esercitare la scelta basta sottoscrivere il riquadro della propria dichiarazione (modelli “Cud”, “730” o “Unico”) intitolato “Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni”, aggiungendo naturalmente il codice (partita Iva) della realtà che si intende sostenere. Nel caso dell’Ente Giostra della Quintana il codice è 01688320546. La scelta non presuppone nessun onere da parte del dichiarante. “Siamo soddisfatti di questa possibilità – ha concluso il Presidente – ed ovviamente auspichiamo una larga adesione dei folignati. E’ una grande occasione per sostenere la Quintana che ininterrottamente da 67 anni promuove la città ed il territorio, la cultura, l’aggregazione e la riscoperta dei più autentici valori del volontariato. Per questo confidiamo in un ottimo risultato che avrà una ricaduta positiva sull’intera città”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*