Unipegaso

Todi Festival partenza col botto nel primo fine settimana

sold out per gli spettacoli del Nido dell’Aquila e prenotazioni per i prossimi giorni

Todi Festival partenza col botto nel primo fine settimana
todi festival

Todi Festival partenza col botto nel primo fine settimana Positivo il bilancio dei giorni iniziali della trentesima edizione del Todi Festival che prosegue fino al 4 settembre. Le mostre di Piero Pizzi Cannella e di Rosella Fumasoni, rispettivamente alla sala delle Pietre e alla sala della Pinacoteca, hanno acceso le luci sulla manifestazione, attirando la curiosità di centinaia di visitatori. Positivi anche i riscontri per l’installazione alla sala affrescata di via del Monte, firmata dalla stilista israeliana Ilana Efrati.

E dopo lo spettacolo inaugurale, Il Legame, che ha messo confermato la scelta della prosa nel festival, mettendo in scena al Teatro Comunale un testo da Le Lien di Amanda Sthers, inedito in Italia, il Festival è andato avanti con appuntamenti di grande successo. Il critico e storico dell’arte Flavio Caroli, per esempio, ha riempito la sala delle Pietre con la lectio magistralis dedicata ai grandi maestri della storia dell’arte e con la dissertazione dedicata al Tempio della Consolazione di Bramante.

Un appuntamento che ha accompagnato il pubblico fino al travolgente duetto tra Elio Pandolfi e Marco Scolastra. In un Nido dell’Aquila stracolmo, il celebre attore e doppiatore, insieme al famoso pianista e compositore, ha raccontato la Poesia nel piatto, un connubio perfetto di narrazioni e musica dedicato ai grandi della cultura e al loro rapporto con la cucina. Un Pandolfi straripante che ha chiuso l’esibizione con un extra di 20 minuti profondamente apprezzato dal pubblico.

Pubblico che ha continuato a rispondere in modo estremamente positivo anche al “diversamente musical” diretto da Enzo Iacchetti, Come Erika e Omar, è tutto uno show, una vera e propria provocazione, ma utile per riflettere sull’uso, a volte improprio, della cronaca nera.

L’onda positiva è proseguita anche lunedì. Oltre cinquecento gli spettatori a spasso per i teatri di Todi, con la compagnia Malabranca impegnata a replicare a sorpresa il suoCalaveras Kabarett, dopo la prima andata rapidamente esaurito. Prove aperte, per accontentare le numerose richieste degli spettatori, per Le Metamorfosi di Ovidio che mercoledì animeranno il Castello di Petroro. Caterina Casini ha convinto e appassionato il pubblico del Comunale nelle vesti di Peggy Guggenheim, riscontrando consensi unanimi. Messi in archivio i primi quattro giorni del trentennale, c’è già fermento, con informazioni e prevendite, per il rush finale che culminerà, domenica 4 settembre, con il concerto di Ezio Bosso in piazza del Popolo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*