Terremoto, a Vallo di Nera 60 persone dormono nelle strutture di protezione civile

La caduta dei massi ha investito il territorio di Vallo di Nera

Terremoto, a Vallo di Nera 60 persone dormono nelle strutture di protezione civile

Terremoto, a Vallo di Nera 60 persone dormono nelle strutture della protezione civile. Dopo la caduta dei massi che ha investito il territorio di Vallo di Nera, interessando il costone sovrastante la strada comunale ex 209 Valnerina e la sottostante strada statale 685 Tre Valli Umbre in prossimità dell’abitato di Piedipaterno, i lavori di messa in sicurezza delle pendici rocciose sono proseguiti per tutta la settimana. Per permettere le operazioni di disgaggio dei sassi ed evitare pericolosi impatti, l’Anas ha ridotto il transito degli autoveicoli sulla strada statale a un senso unico alternato di circolazione.

Una settimana di intensa attività ha tenuto impegnati rocciatori esperti, coadiuvati da altro personale, nella perlustrazione dell’ ampia superficie compromessa. I rocciatori hanno provveduto al disgaggio dei numerosi massi resi pericolanti dalle scosse sismiche. Una serie di macigni erano già caduti, infatti, da un’altezza di circa 150 metri sull’ex strada comunale ‘Valnerina’ e, fortunatamente, solo in minima parte sulla strada statale. Il pronto intervento disposto dal Comune di Vallo di Nera, in stretto rapporto con la Protezione civile e l’ufficio geologico regionale ha scongiurato eventuali ulteriori cadute, soprattutto in considerazione degli intensi e ripetuti movimenti tellurici del 26 ottobre.

I dati di intervento dell’operazione di salvaguardia della pubblica incolumità sulla strada statale sono stati relazionati dal responsabile dell’area tecnica comunale, Massimo Messi, nel corso di una riunione che si è tenuta presso la sede del COAR di Norcia, presenti, oltre al sindaco di Vallo di Nera Agnese Benedetti, l’assessore regionale Giuseppe Chianella, il direttore Diego Zurli, il responsabile dell’area dei dissesti idrogeologici della Regione Umbria Pierluigi Tamburi, il dirigente del servizio rischio sismico Sandro Costantini, il geometra Fabio Remigi per la Provincia di Perugia, il direttore compartimentale Anas Gioacchino Del Monaco e l’Impresa esecutrice dei lavori ‘Tecnostrade’.

I lavori proseguiranno fino alla messa in sicurezza dell’intero versante, che ha un’estensione di circa quarantamila metri quadri, e al ripristino delle barriere paramassi stradali. Successivamente il risanamento del versante roccioso di Piedipaterno entrerà nella pianificazione post sismica.

L’emergenza nel Comune di Vallo di Nera dopo le scosse del 26 ottobre. Sono sessanta i cittadini che da mercoledì 26 ottobre trascorrono la notte nelle strutture di protezione civile allestite dal Comune nelle varie frazioni. Un modulo è stato approntato per le celebrazioni di culto religioso nella frazione di Paterno. Mentre stavano volgendo al termine i sopralluoghi di agibiltà negli edifici privati segnalati, le nuove scosse di terremoto hanno fatto pervenire all’ufficio tecnico comunale nuove richieste di verifica dei fabbricati. In linea di massima il consolidamento antisismico degli edifici avvenuto dopo i terremoti del 1979 e del 1997 ha retto agli urti del terremoto e solo i fabbricati non ristrutturati hanno subito danni. La via dei Casali, nell’omonimo Borgo, è transennata per la presenza di edifici che minacciano crolli sulla strada.

Una specifica valutazione strutturale è stata richiesta per la sala consiliare del Municipio interessata da lesioni passanti che attraversano anche i dipinti delle pareti e che si sono aggravate dopo le ultime scosse.

Tre, per il momento, sono le ordinanze di sgombero sui beni culturali lesionati: la chiesa di San Pietro e Paolo a Piedipaterno, quella di San Giusto a Paterno e quella di Santa Maria de Pedemonte presso il cimitero di Meggiano. Risultano danneggiate ma agibili: la Chiesa di San Giovanni Battista, di Santa Maria Assunta e di San Rocco a Vallo di Nera, San Sebastiano a Piedipaterno (relativamente alla spaccatura di un elemento interno del tetto che potrebbe cadere nell’aula), Santo Stefano di Geppa , la Madonna dell’Eremita e la Madonna delle Grazie a Piedipaterno.

Particolarmente preziosa, di grande supporto professionale e di carica umana, si è rilevata la presenza dei tecnici volontari assegnati temporaneamente dall’Anci-DICOMAC-Regione Umbria al Comune di Vallo di Nera e messi generosamente a disposizione dagli enti di provenienza. Dopo l’Ingegner Piergiuseppe Dezza della Direzione Edilizia-Trasporti della provincia di Alessandria è ora la volta del Responsabile del Servizio Edilizio-Urbanistico del Comune di Alatri (FR), Amerigo Brocco. Entrambi, insieme ai dipendenti comunali in organico, hanno permesso al piccolo Comune di far fronte con puntualità alle numerose e straordinarie incombenze. Anche in occasione di questo evento sismico la solidarietà ha assunto un ruolo da protagonista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*