Polemica gestione impianti sportivi Perugia, interviene Tommaso Bori

Al PalaEvangelisti, al Santa Giuliana e al palazzetto Pellini non si vedono gli investimenti

Polemica gestione impianti sportivi Perugia, interviene Tommaso Bori

Polemica gestione impianti sportivi Perugia, interviene Tommaso Bori da Tommaso Bori – In questi giorni esplose tutte le contraddizioni che denunciamo da più di un anno sugli impianti sportivi e la loro gestione. Sia le società sportive e le associazioni di settore che i lavoratori dipendenti lamentano la pessima gestione attuale, oltre che i rapporti fortemente conflittuali, con il gestore Kronogest. Al PalaEvangelisti, al Santa Giuliana e al palazzetto Pellini non si vedono né gli investimenti promessi, né le manutenzioni ordinarie grazie alle quali la Kronogest, società nata solo un mese prima del bando, senza alcun bilancio presentato o esperienza nel settore, è riuscita a vincere la gara.

Ad oggi, mentre la Regione Umbria ha già stanziato 300 mila euro a fondo perduto per il miglioramento del Palasport Evangelisti, la Kronogest ha un ricavo di 1 milione e 800 mila euro dalla gestione delle strutture, ma nonostante questa cifra notevole non ha ancora fatto gli investimenti promessi dopo quasi un anno.

La questione non è solo legata alla SIR Safety, squadra d’eccellenza a livello interazione che abbiamo la fortuna di ospitare nella nostra città e che ha dovuto annullare la final four della Supercoppa al PalaEvangelisti, tanto da spingere la società a pensare di spostarsi da Perugia. Ma anche alle società di atletica che stanno lamentando da mesi lo stato di degrado di pista e strutture al Santa Giuliana, anche con foto denuncia e video-interviste degli atleti pubblicate sui social network e raccolte nella pagina facebook “Salviamo l’atletica di Perugia”. Stessa situazione, se non più grave, al palazzetto Pellini che risulta non essere più a norma di legge, oltre che in stato fatiscente.

Ci preoccupa, inoltre, la denuncia fatta nei mesi passati dai sindacati che, con un’apposita lettera inviata a Kronogest e Comune di Perugia, hanno segnalato le molteplici difficoltà che si trovano ad affrontare i lavoratori della società gestrice. Si segnala l’inadeguatezza del numero dei lavoratori utilizzati, pari ad 8 di cui effettivi 7 turnisti, rispetto ai 10 indicati nell’offerta di gara ed il gestore non sembrerebbe nemmeno essere in regola con il pagamento degli stipendi.

Infine si vuole capire è se il contratto tra Comune e Kronogest sia stata firmata o meno, dato che l’appalto è stato assegnato ormai da quasi un anno e sul punto non è stata fatta ancora chiarezza. Per questo abbiamo attivato la Commissione Controllo e Garanzia sul tema che tornerà a riunirsi anche in agosto, proprio a segnare l’urgenza di risolvere la questione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*