Leonelli: ODG sul Testo Unico del commercio ragionevole punto di equilibrio

"Era il massimo sforzo possibile che ci era consentito dalla direttiva Bolkenstain e dalla legislazione nazionale per guidare i percorsi relativi ai nuovi insediamenti commerciali"

Giacomo Leonelli interviene in Consiglio regionale
Giacomo Leonelli interviene in Consiglio regionale

Leonelli: ODG sul Testo Unico del commercio ragionevole punto di equilibrio

L’ Aula di Palazzo Cesaroni, nell’approvare il disegno di legge della Giunta regionale che prevede ‘modificazioni e integrazioni alla legge regionale ’13/2014’ (Testo unico in materia di commercio) come emendato dalla Seconda Commissione, ha sviluppato in particolare il suo dibattito in merito al superamento del limite massimo delle grandi superfici, che era invece fissato a 15mila mq per le strutture alimentari e 20mila per quelle miste.

Prima del voto finale sull’atto, l’Aula ha approvato con 17 voti a favore (PD, SeR, FdI, FI, Ricci presidente) e 4 astensioni (LN e M5S) l’ordine del giorno proposto dalla maggioranza (PD e SeR) e illustrato dal primo firmatario, Giacomo Leonelli del PD. L’atto “alla luce della rilevanza degli aspetti legati alla disciplina dell’apertura di nuovi insediamenti commerciali di grandi dimensioni” impegna la Giunta regionale ad approvare il regolamento previsto dai commi 5 e 6 del testo legislativo entro il 28 febbraio 2017 (anziché 31 dicembre come proposto nel disegno di legge di modifica).

In tale ordine del giorno si indicano come temi prioritari gli aspetti urbanistici, “ivi compreso la limitazione del consumo del territorio”; quelli ambientali, “con particolare riferimento alla mitigazione delle emissioni e dei rifiuti”; la tutela del paesaggio e dei beni culturali.

«Dopo l’accoglimento all’unanimità in sede di II Commissione – dichiara Giacomo Leonelli – dell’emendamento da me presentato che vieta la pratica del subaffitto degli spazi fieristici, divieto teso ad evitare il formarsi di un oligopolio di fatto, poiché si permetteva ad alcuni di guadagnare sul mero subaffitto di tali spazi, l’accoglimento di questo ordine del giorno rappresenta un ulteriore miglioramento del T.U. del commercio».

«Il testo licenziato oggi dal Consiglio regionale – prosegue Leonelli –rappresenta un punto di equilibrio ragionevole tra le esigenze di apertura della regione, i bisogni degli operatori più piccoli e quelle dei cittadini, sia perché da un lato ha mantenuto la conferenza di servizi per l’autorizzazione alla costruzione di spazi commerciali di grande volumetria, sia perché ora la Giunta è impegnata a prestare particolare attenzione anche a limitare il consumo di suolo».

«Preservare la nostra comunità – conclude Giacomo Leonelli – dal dover pagare un costo eccessivo in termini ambientali, infatti, è un tema caro al Partito Democratico e a tutti coloro che abbiano a cuore il benessere della nostra Regione, e credo che l’approvazione di questo ordine del giorno, unitamente all’introduzione della conferenza di servizi, sia il massimo sforzo possibile che ci era consentito dalla direttiva Bolkenstain e dalla legislazione nazionale per guidare i percorsi relativi ai nuovi insediamenti commerciali. Diversamente, porre dei limiti ai volumi nel Testo Unico avrebbe forse fatto conquistare qualche titolo di giornale in più, ma avrebbe aperto la strada a ricorsi che, prevedibilmente, avrebbero visto soccombere la nostra Regione».


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*