Infermiera licenziata, interviene in ritardo ad allarme incubatrice

Il licenziamento è stato adottato dall'Ufficio provvedimenti disciplinari dell'Azienda ospedaliera di Perugia al termine di una rapida istruttoria

Infermiera licenziata, interviene in ritardo ad allarme incubatrice

Infermiera licenziata, interviene in ritardo ad allarme incubatrice PERUGIA – E’ stata licenziata per essere intervenuta in ritardo dopo che era scattato l’allarme da una delle incubatrici della struttura. E’ successo a una infermiera del reparto di neonatologia dell’ospedale di Perugia. Tra le ipotesi alla base del provvedimento quella che la donna potesse essersi addormentata. Il licenziamento è stato disposto “per gravità” e senza preavviso.

L’infermiera ha già annunciato ricorso. Il licenziamento è stato adottato dall’Ufficio provvedimenti disciplinari dell’Azienda ospedaliera di Perugia al termine di una rapida istruttoria. Tra gli elementi alla base del provvedimento la presenza di un materasso all’interno del reparto. La donna – si apprende da fonti ospedaliere – non è stata comunque sorpresa a dormire. Dagli “elementi induttivi” raccolti dall’Ufficio provvedimenti è stato comunque ritenuto che l’infermiera, ormai prossima alla pensione, non svolgesse correttamente il proprio dovere durante il turno di notte.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*