Zanzare ogm come vettori contro malaria, paga Bill Gates

RICERCA ANCHE ITALIANA A TERNI LA PRESENTAZIONE TERNI

Zanzare ogm come vettori contro malaria, paga Bill Gates
http://wp.production.patheos.com Bill e Melinda Gates

Zanzare ogm come vettori contro malaria, paga Bill Gates

TERNI – Contributo della ricerca italiana Nello sviluppo di misure di controllo genetico contro le zanzare, c’è il contributo della ricerca italiana. Il progetto si chiama “Target malaria” ed è finanziato da Bill Gates con la sua fondazione – Bill & Melinda Gates -. Lo studio è del Polo di Genomica, Genetica e Biologia (Polo Ggb) che lavora, per l’appunto, sullo sviluppo di zanzare geneticamente modificate come vettori per combattere la malaria.

In grandi camera climatizzate sono confinate zanzare geneticamente modificate, costrette a convivere con le cosiddette “Wild type”. E questo per comprendere come le modificazioni genetiche avvengano in una popolazione naturale.

In sostanza il progetto prevede che le zanzare modificate geneticamente siano introdotto nell’ambiente e, riproducendosi solo con progenie maschile (che non trasmette la malaria), abbassi il livello di diffusione della malattia.

Sperimentazioni di Target Malaria sono in atto in Burkina Faso e altri Paesi africani. Nei giorni scorsi l’Organizzazione mondiale per la sanità ha messo tra le sue priorità il controllo degli insetti, questo con un piano di risposta globale e obliettivi da raggiungere entro il 2030.

Oggi come oggi, secondo quanto riferito dalla stessa Oms, risulta che oltre l’80 per cento della popolazione mondiale è a rischio di contrarre una infezione da insetti. Zanzare, mosche e zecche possono trasmettere infezioni come malaria, filiriasi linfatica, leishmania, malattia di Chagas, di Lyme ed encefalite. Non solo, nel mondo si presentano 220 milioni di casi di malaria ogni anno, e ogni due minuti un bambino muore a causa della malattia.


Malaria Sintomi

La malaria è una malattia infettiva causata da un parassita chiamato Plasmodio. La malaria si trasmette esclusivamente attraverso le punture di zanzare infette (solamente il tipo Anopheles che non è presente in Italia). Queste zanzare sono presenti in Africa, in America Centrale e del Sud ed in Asia. Nel corpo umano i parassiti della malaria si moltiplicano nel fegato e quindi dopo una incubazione variabile infettano globuli rossi.

Febbre, mal di testa, tensione di muscoli nucali, brividi e sudorazione, talvolta nausea, vomito e diarrea, sono i sintomi che possono essere presenti ma che possono anche alternarsi. Compaiono solitamente tra i 10 ei 15 giorni dopo la puntura di zanzara. Se non trattata con i farmaci appropriati, la malaria può diventare rapidamente pericolosa per la vita interrompendo l’afflusso di sangue agli organi vitali. In molte parti del mondo, i parassiti hanno sviluppato una resistenza ad una serie di farmaci specifici.

Interventi importanti per controllare la malaria includono: il trattamento rapido ed efficace della malattia con terapie a base di artemisinina combinata con altri farmaci, l’uso di zanzariere trattate con insetticidi, l’utilizzo di insetticidi e repellenti per il controllo delle zanzare.

Al rientro da un viaggio in zone a rischio malaria chiedi la visita con i medici tropicalisti del centro MET per una valutazione del tuo stato di salute e per fare un esame parassitologico sul sangue (striscio e goccia spessa, ricerca DNA parassita malarico,  test immunologico rapido).

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*