Primi d'Italia

Vaccini, Casciari e Leonelli (Pd) proseguire con la modifica della legge regionale

Ieri in Terza commissione si è parlato della proposta di legge dei consiglieri regionali del Carla Casciari e Giacomo Leonelli (Pd)

Vaccini, ok per i bimbi fra 3 e 36 mesi negli asili

Vaccini, Casciari e Leonalli (Pd) proseguire con la modifica della legge regionale Perugia – “Siamo soddisfatti del confronto nazionale che avvalora il nostro percorso di legge che impone l’obbligatorietà delle vaccinazioni per gli iscritti agli asili nido, tutelando così i bambini più deboli”. È quanto affermato dai consiglieri regionali del Partito democratico, Carla Casciari e Giacomo Leonelli, dopo la conclusione della Terza Commissione consiliare “dove si è tenuto il confronto con l’assessore alla sanità, Luca Barberini, in merito alla proposta di legge che modifica quanto stabilisce la legge ’30/2005′ (Sistema integrato dei servizi socio-educativi per la prima infanzia) per quanto riguarda l’accesso ai servizi per la prima infanzia”.

 

“Riteniamo – proseguono Casciari e Leonelli – che questo documento, depositato lo scorso novembre, dimostri ancora una volta che l’Umbria è una regione all’avanguardia. Proprio per questo motivo è giusto che l’assessore Barberini segua la vicenda nazionale. Ma allo stesso tempo è fondamentale proseguire verso una modifica della legge regionale. In tal senso è importante anche il confronto che avremo in audizione (domani, giovedì 9 febbraio alle ore 15 a Palazzo Cesaroni) con tutti i soggetti interessati. Dobbiamo tenere presente che, nonostante i dati del 2016 sulla copertura sembrino essere migliori rispetto a quelli del 2015, il diritto alla salute deve prevalere su tutto. È essenziale – concludono – non allontanarsi dal quel 95 per cento, che è la soglia raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e che tutela la salute di tutti, anche di quei bambini i cui genitori scelgono di non vaccinare e anche di coloro che per regioni di salute non possono farlo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*