Tre nuovi casi di morbillo all’ospedale di Terni, non sono sanitari, ma cittadini

a tutti gli operatori che non risultano immuni al morbillo la vaccinazione è offerta attivamente e gratuitamente

Tre nuovi casi di morbillo all'ospedale di Terni, non sono sanitari, ma cittadini

Tre nuovi casi di morbillo all’ospedale di Terni, non sono sanitari, ma cittadini

da Monia Rossi 
TERNI – Mentre sul personale sanitario stanno proseguendo lo screening sierologico e la campagna di vaccinazione, in collaborazione con il servizio di Igiene e sanità pubblica della Usl Umbria 2, l’ospedale di Terni ha registrato negli ultimi giorni altri tre casi di morbillo che non interessano il personale sanitario: due cittadini sono ancora ricoverati nella Clinica di Malattie infettive ma in via di miglioramento, mentre per l’ultimo caso, riscontrato la notte scorsa, non è stato necessario il ricovero.

 “Al momento su 280 prenotazioni ricevute – spiega il direttore sanitario dell’Azienda ospedaliera di Terni Sandro Fratini – sono stati effettuati 170 prelievi immunologici (circa 20 al giorno) per la verifica dello stato di immunità al morbillo di quegli operatori che non erano stati già vaccinati e non avevano certezza di aver contratto la malattia.

Solo 6 al momento sono risultati non immuni al virus, ma è importante non abbassare la guardia, in particolare per tutti quei sanitari che operano in reparti delicati come l’oncologia, la rianimazione o la nefrologia e sono quindi a stretto contatto con pazienti immunodepressi e particolarmente vulnerabili, che, lo ricordiamo, per le loro particolari condizioni di salute non possono essere vaccinati e per i quali va quindi scongiurato ogni possibile contagio”.

 Per prevenire e contenere la trasmissione dell’infezione in ambito ospedaliero, a tutti gli operatori che non risultano immuni al morbillo la vaccinazione è offerta attivamente e gratuitamente dagli  operatori di Igiene e sanità pubblica della USL Umbria 2, che somministrano i vaccini nella sede del servizio o all’ospedale stesso.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*