Presentati i risultati del progetto “Ospedale senza dolore”

Al S. Maria della Misericordia parametri omogenei in tutte le strutture di degenza

L’Azienda Ospedaliera di Perugia ha presentato questa mattina, nell’ambito della 14° edizione della giornata Nazionale del Sollievo , i risultati dell’attività del progetto “Ospedale senza dolore” ,attuato al Santa Maria della Misericordia dal 2008.
“La misurazione del dolore, è uno dei parametri che il personale preposto all’assistenza rileva con grande cura almeno due volte al giorno- ha ricordato il direttore sanitario Manuela Pioppo-, e questo ha accresciuto presso tutti gli operatori sanitari la cultura della lotta al dolore”.
Per arrivare ai risultati conseguiti, si è reso necessaria la formazione del personale con corsi tenuti da docenti di grande esperienza assistenziale. E’ stato ribadito che la formazione deve essere continua ,proprio per centrare l’obiettivo che va perseguito senza risparmio di risorse”.
La scala di rilevazione del dolore è numerica, e va da 1 a 10, con gli operatori sanitari che intervengono quando il livello è superiore a 4.
E’ stato osservato che nelle strutture di degenza il controllo del dolore sul parametro minimo è omogeno, in circa sette anni di attuazione del progetto, il dolore percepito dal paziente è sceso di quasi due punti: nella rilevazione del 2008 era del 5.4 e che ora si è attestato a 4.
“ E’ così diffusa la cultura dell’Ospedale senza dolore, che tutti gli operatori hanno partecipato alla rilevazioni ed tutti hanno aderito alle procedute inserite nel progetto”, ha sottolineato il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Walter Orlandi- ,che ha voluto anche presentato il servizio dell’App utilizzato per il controllo del dolore per i bambini assisiti da casa dopo le dimissioni a seguito di un intervento chirurgico.
Il dolore può essere controllato e con il supporto assistenziale-psicologico e con l’uso dei farmaci più appropriati. A questo proposito è stato rilevato che è in aumento anche l’impiego dei farmaci analgesici, indicatore di qualità dell’assistenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Già nel pomeriggio di oggi i medici anestesisti hanno potuto entrare in contatto con i genitori dei bambini operati e dimessi nei giorni scorsi per monitorare insieme a loro il dolore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*