PERUGIA: SANDRO ELISEI “FELLOW” DEL CENTRO RICERCA MALATTIE MENTALI DI BEDFORDSHIRE

Bedfordshire
Bedfordshire
Bedfordshire

(umbriajournal.com) PERUGIA – Prestigioso riconoscimento per il professor Sandro Elisei, ricercatore della sezione di Psichiatria, psicologia clinica e riabilitazione psichiatrica dell’Università di Perugia, diretta dal professor Roberto Quartesan; è stato infatti nominato membro del Centro di ricerca sulle malattie mentali di Bedfordshire associato all’ Università di Cambridge.

La consegna della pergamena attestante la qualifica di ‘fellow’ per il professor Elisei è avvenuta a Cambridge, in occasione del “The Cambridge Luton International Conference on Mental Health” che si è svolto al Clare College. Il professor Luciano Binaglia, preside di Medicina e chirurgia, ha dato comunicazione del riconoscimento anche in occasione del Consiglio di facoltà. Quest’anno, al convegno, oltre al professor Elisei, hanno partecipato quattro assistenti in formazione della scuola di specializzazione in Psichiatria dell’Università di Perugia che hanno presentato due relazioni e due poster.

“Abbiamo portato i dati preliminari di un’indagine comparata tra il servizio psichiatrico di Luton, il nostro ambulatorio psichiatrico dell’ospedale Santa Maria della Misericordia e due Centri di Salute Mentale, quello di Bastia Umbra e  Magione – spiega il professor Elisei -. La collaborazione fra le due Università è stata avviata un anno fa a Cambridge in occasione di un congresso internazionale sui disturbi dell’umore quando è stato progettato uno studio congiunto tra i servizi sui disturbi psichiatrici, uno scambio di dati e di esperienze. Il rapporto fra i due atenei – conclude Elisei – ha portato alla presenza, nel febbraio di quest’anno, del professor Mark Agius  (Università di Cambridge) che ha  tenuto 2 lezioni magistrali agli assistenti in formazione in Psichiatria. Angius il prossimo novembre tornerà di nuovo a Perugia; sono inoltre previsti scambi tra gli assistenti in formazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*