Perugia, grande partecipazione per “Ti presento il software libero”

TalkUna buona affluenza di giovani e imprese, ma soprattutto grande attenzione e interesse dei partecipanti per la giornata divulgativa “TI PRESENTO IL SOFTWARE LIBERO -Chiudete la finestra, addio Windows XP” che si è svolta sabato 5 aprile, presso il Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Perugia, per iniziativa dell’associazione GNU/Linux User Group di Perugia, in collaborazione con il gruppo di lavoro LibreUmbria e il Centro di Competenza sull’Open Source dell’Umbria. La giornata è stata proposta in occasione della cessazione del supporto per Microsoft Windows XP e Office 2003 fissata per l’8 aprile, che porrà aziende, pubbliche amministrazioni e privati di fronte ad una scelta non banale: acquistare un nuovo computer con aggiornata licenza Windows, tenere il vecchio pc e il vecchio XP con tutti i rischi per la vulnerabilità del sistema oppure scegliere software libero senza aggravi di costi né per il computer né per il nuovo sistema operativo. Nel corso della mattina, oltre a talk mirati sull’argomento e che hanno messo in evidenza i rischi concreti ai quali ci si sottopone lasciando Windows XP, nei laboratori appositamente predisposti per dimostrazioni pratiche sono stati “riconvertiti” a Linux anche alcuni computer che saranno donati ad una scuola. “Abbiamo predisposto – afferma il presidente del GNU/LUG Perugia Claudio Cardinali – dei questionari finalizzati a rilevare i fabbisogni formativi delle persone intervenute perché ci rendiamo conto che scegliere software libero significa anche doversi formare sulle funzionalità di nuovi programmi”. Oltre, infatti, alle iniziative già proposte dall’associazione perugina come le Linux night mensili, la mailing list e altri eventi divulgativi, c’è il desiderio di organizzare, a partire dai prossimi mesi, corsi di formazione mirati e ritagliati sulle specifiche necessità di chi si vuole avvicinare all’open source. Il messaggio che si è voluto lanciare sabato con “Ti presento il software libero” è stato che si possono adottare soluzioni open source non solo al posto di XP ma anche in molti altri ambiti di applicazione, come nella gestione della posta elettronica, nella navigazione Internet, nell’office automation, nel fotoritocco oltre che nella lettura e realizzazione di ebook. “Vorremmo continuare a monitorare nelle prossime settimane – continua Cardinali – la migrazione da XP, mettendoci a disposizione di quanti vorranno consigli e aiuto per scegliere finalmente soluzioni che non sono solo gratuite ma che garantiscono sicurezza, affidabilità e elevata qualità”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*