Manager, medici e giuristi a confronto

radiologi(UJ.com3.0) di M.Mariano  PERUGIA – E’ programmato per mercoledì  17 Aprile (ore 14.45), presso l’Aula 7 della Facoltà di Medicina e Chirurgia un incontro per  infermieri, medici, chirurghi e tecnici sanitari di radiologia dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Perugia sul tema: “La responsabilità professionale nel dipartimento di diagnostica per immagini e radiologia interventistica”.

L’incontro, che si avvale della collaborazione scientifica dei Dottori Laura Paglicci Reattelli  e Piero Floridi, è stato organizzato dall’Ufficio  Formazione dell’Azienda Ospedaliera di Perugia.

Il programma prevede, dopo  un intervento introduttivo del Direttore Generale della A.O.  di Perugia, Dott. Walter Orlandi, una tavola rotonda, moderata dal Prof. Michele Scialpi e dal Dott. Piero Floridi, alla quale parteciperanno esperti di diversi ambiti. Antonio Orlacchio, Professore Associato  di Radiologia  della  Università di Tor Vergata, tratterà dei  “Rapporti tra professionisti e rispettive competenze”, il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di  Perugia, Dottor Giuseppe Petrazzini, affronterà il tema della “Responsabilità professionale”, mentre alla  Dott. Laura Paglicci Reattelli, spetterà  il compito di sviluppare una relazione sugli “Aspetti Medico-legali nella diagnostica per immagini e radiologia interventistica.”.

Al termine della tavola rotonda è prevista una discussione sui temi trattati.

“Si è avvertita la necessità di questa iniziativa -dice il Dottor Piero Floridi- dopo  che negli ultimi anni, sulla spinta di importanti riforme e dell’evoluzione della coscienza , l’attività  sanitaria ha subito una profonda trasformazione che ha investito anche il tradizionale rapporto tra sanitario e paziente, sempre più confinato in contesti organizzativi complessi e spersonalizzati e frequentemente complicato da contenzioso medico-legale.”.

A questo proposito afferma sempre il Dottor Floridi, che assieme alla Dottoressa  Reattelli  ha organizzato il seminario  “la  responsabilità professionale  riguarda ormai tutti gli operatori sanitari e quindi anche quelli del Dipartimento di Diagnostica per Immagini, infermieri, medici e tecnici sanitari di radiologia medica,  che avvertono la necessità  di uno specifico approfondimento  che favorisca l’instaurazione di un corretto rapporto  tra le esigenze dei pazienti e quelle del management sanitario e che approfondisca  anche  il problema della appropriatezza  delle prestazioni sanitarie.”.

Per  questi  motivi .l’incontro del 17 Aprile è stato esteso a tutti gli operatori del servizio sanitario ed anche delle strutture private (la partecipazione all’evento è facoltativa e gratuita e i partecipanti  potranno richiedere  l’accreditamento ECM regionale).

“Indipendentemente dall’esito del contenzioso giudiziario- osserva  la Dott.ssa Reattelli-

che  nella maggior parte dei casi si risolve a favore dei sanitari,  il fatto di trovarsi a fronteggiare per molti anni accuse anche gravi,  seppur  infondate, determina  nei sanitari un profondo disagio sia nella vita professionale che nella vita di relazione. Per  fronteggiare questo rischio  all’apparenza la sola  possibilità che resta al medico è quella di ricorrere alla cosi detta  “medicina difensiva”, che si manifesta con la crescente  richiesta di esami e accertamenti inutili se non  spesso anche  dannosi. E’ indispensabile, a mio  avviso- sostiene La Dottoressa Reatelli  aprire un sereno confronto su queste tematiche che consenta di prevenire il contenzioso, nell’interesse di tutte le parti”.

E’ in questo difficile  contesto che  va inquadrato l’incontro sulla responsabilità professionale sanitaria, promosso dal Dipartimento di Diagnostica per Immagini e dall’Ufficio di Medicina Legale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia per cui “E’ auspicabile -sostengono gli organizzatori- che dopo  le relazioni degli esperti si sviluppi  un ampio dibattito tra tutti i partecipanti, per dare al confronto un impulso grazie anche  alle proprie esperienze professionali”

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*