Malattie genetiche, a Perugia progetto studio laboratorio “Globulo rosso”

ha sede presso il Creo, nei locali di Citogenetica e Genetica molecolare

Malattie genetiche, a Perugia progetto studio laboratorio "Globulo rosso"
liquidarea.com

Malattie genetiche, a Perugia progetto studio laboratorio “Globulo rosso”  Sarà presentato martedì 27 Settembre alle ore 11.30 un progetto riguardante l’attività di ricerca dalle strutture di Ematologia e Oncoematologia Pediatrica. Si tratta del Laboratorio Globulo Rosso, che ha sede presso il Creo, nei locali di Citogenetica e Genetica molecolare diretto dalla prof. Cristina Mecucci. Il progetto riguarda identificazione e studio delle patologie del globulo rosso (emoglobinopatie, in particolare, cioè difetti congeniti dell’emoglobina, la proteina che trasporta l’ossigeno all’interno dei globuli rossi. si tratta di malattie come anemia mediterranea e anemia falciforme). “Le emoglobinopatie, affermano i dottori Francesco Arcioni e Paolo Gorello, che si occuperanno della attività del laboratorio, sono patologie così diffuse , tanto è vero che rappresentano le malattie genetiche più frequenti al mondo”.

Il progetto, che verrà presentato nell’Aula Rita Levi Montalcini , ha lo scopo di migliorare l’identificazione dei genotipi alla base della patologia e migliorare così l’inquadramento clinico patologico e la cura. Trattandosi di patologie genetiche, l’identificazione di punti di riferimento in tal senso si rivelerà estremamente utile per la consulenza genetica di coppie in presenza di fattori di rischio per la messa a punto di tecniche diagnostiche prenatali. Il progetto è stato finanziato dal Comitato per la vita Daniele Chianelli e dalla Fondazione Cassa di Risparmio.

Alla presentazione interverranno ll’assessore alla Sanità Luca Barberini,il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Emilio Duca, il direttore della struttura complessa di Ematologia Brunangelo Falini, la responsabile del laboratorio di Citogenetica e Generica molecolare Cristina Mecucci e il Direttore del Dipartimento di Medicina Carlo Riccardi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*