Primi d'Italia

Malaria, a Perugia, nuovo metodo per debellarla

SANGUEconMALARIAQuesta mattina, presso il Polo d’Innovazione di Genomica, Genetica e Biologia (Polo GGBdella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia è stato presentato lo straordinario risultato ottenuto dal team del Prof. Andrea Crisanti per la lotta contro la malaria. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications (e immediatamente trasmesso da media internazionali fra i quali BBC, CNBC, Al Jazeera, The Guardian, The Daily Mail), valida un nuovo metodo genetico che per la prima volta nella storia è in grado di alterare il rapporto tra i sessi delle zanzare Anopheles gambiae, principali vettori del parassita della malaria. La scoperta sensazionale di questa ricerca scientifica consiste nell’aver individuato ed utilizzato un particolare enzima in grado di eliminare il cromosoma X esclusivamente durante la produzione dello sperma. In questo modo la progenie delle zanzare geneticamente modificate risulta composta al 95% da maschi, azzerando quasi completamente il numero di zanzare femmina, uniche responsabili della trasmissione della malattia agli esseri umani.

“La malaria è debilitante e spesso fatale e abbiamo bisogno di trovare nuovi modi per affrontarla – spiega il professor Andrea Crisanti, responsabile del Centro di Genomica Funzionale dell’Università degli Studi di Perugia – AD e Responsabile Scientifico del Polo GGB -. Pensiamo che il nostro approccio innovativo sia un enorme passo avanti. Per la prima volta, siamo in grado di inibire la produzione di zanzare femmine in laboratorio e questo fornisce un nuovo mezzo per eliminare la malattia.

In natura, la proporzione tra progenie maschili e femminili è pressoché paritaria”.
“L’aspetto più promettente della ricerca è la sua sostenibilità. Una volta introdotte le zanzare modificate, i maschi inizieranno a produrre principalmente figli maschi, così come faranno i loro figli, andando ad eliminare l’intera popolazione femminile entro sei generazioni”, afferma il dottor Nikolai Windbichler, che ha collaborato alla ricerca insieme a Roberto Galizi (PhD Università degli Studi di Perugia), Lindsey A. Doyle, Miriam Menichelli, Federica Bernardini, Anne Deredec, Austin Burt, Barry L. Stoddard, ricercatori presso l’Imperial College di Londra (Uk).

*********************************************************************************
LA MALARIA OGGI: Dal 2000, l’aumento delle misure di prevenzione e di controllo hanno ridotto i tassi di mortalità per malaria ad un livello mondiale del 42 per cento, ma la malattia rimane un killer diffuso soprattutto nelle regioni dell’Africa sub-sahariana. Il controllo della malaria è peraltro minacciato dalla diffusione delle zanzare resistenti agli insetticidi e ai farmaci anti-parassitari. Secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre 3,4 miliardi di persone sono a rischio di contrarre la malaria e si stima che 627.000 persone muoiano ogni anno a causa della malattia

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*