Ludopatia in Umbria, richieste aiuto aumentate del 140 per cento

ASSESSORE LUCA BARBERINI, AL VIA UMBRIA NO SLOT RAMMARICO PER SENTENZA TAR

Ludopatia in Umbria, richieste aiuto aumentate del 140 per cento
ludopatia

Ludopatia, richieste di aiuto aumentate del 140 per cento

“Prendiamo atto della decisione del Tar e auspichiamo che il Governo recuperi in maniera tempestiva una situazione che rischia di ritardare l’attivazione dei Piani contro la ludopatia predisposti da tutte le regioni italiane, inclusa l’Umbria”: così l’assessore alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare della Regione Umbria, Luca Barberini, commentando la sentenza del Tar del Lazio che, accogliendo il ricorso del Codacons, ha annullato il provvedimento con cui il Ministero della Salute ha approvato i Piani regionali per il contrasto al gioco d’azzardo patologico.

“Dispiace – evidenzia Barberini – che questa vicenda ricada anche sull’Umbria, visto che avevamo condiviso con varie associazioni, tra cui il Codacons regionale, il nostro Piano contro il gioco d’azzardo patologico, recependo anche alcune osservazioni. In ogni caso, questa sentenza non blocca l’impegno della Regione Umbria contro il gioco d’azzardo patologico, anche perché tale Piano non comprende soltanto contributi ministeriali, ma anche ingenti risorse messe a disposizione con il Fondo sanitario regionale.  Continueremo, pertanto, a portare avanti le attività di prevenzione e sensibilizzazione dei cittadini e a consolidare la rete servizi e sociosanitari attivati per contrastare la ludopatia”.

“Dispiace ancor di più – continua l’assessore – che questa situazione si verifichi in un momento in cui stanno arrivando risultati molto positivi sul fronte della lotta alla ludopatia. Dopo il lancio della campagna di comunicazione ‘Umbria No Slot’, infatti, le telefonate al numero verde regionale contro il gioco d’azzardo patologico sono aumentate del 140 per cento, con un netto incremento di richieste di aiuto da tutto il territorio regionale”.

“La campagna – evidenzia Barberini – è stata avviata il mese scorso, in tutta la regione, per prevenire e contrastare il gioco d’azzardo patologico e sensibilizzare i cittadini sui rischi legati a questo fenomeno. Secondo i dati forniti dal Centro di riferimento regionale per il trattamento della dipendenza da gioco d’azzardo problematico, istituito presso il Dipartimento dipendenze della Usl Umbria 2 a Foligno, le chiamate al numero verde sono passate dalle 10 registrate nel settembre 2016 alle 24 nello stesso periodo di quest’anno, mentre nella prima metà del mese in corso hanno già ampiamente superato il dato dell’intero ottobre 2016”. “Le telefonate – continua l’assessore Barberini – arrivano da tutta l’Umbria e anche da fuori regione.

A chiamare sono sia giocatori sia loro familiari, il fenomeno risulta trasversale ma interessa più uomini che donne, soprattutto fra i 35 e i 60 anni. Chi telefona sostiene di aver appreso da manifesti, locandine, internet e social network del numero verde e dei servizi per il trattamento del gioco d’azzardo. Vengono richieste informazioni, segnalati debiti di gioco, chiesti appuntamenti con esperti per affrontare il problema. Gli utenti umbri vengono presi in carico dal Centro di riferimento regionale o indirizzati nei servizi territoriali, mentre quelli da fuori regione sono invitati a chiamare le strutture della zona di provenienza o gruppi di autoaiuto presenti in tutta Italia”.

“Secondo le informazioni fornite dagli operatori del Centro di riferimento regionale – prosegue Barberini – dopo il lancio della campagna, sono aumentate anche le persone che si presentano fisicamente presso questo servizio, tanto che c’è stato un incremento di nuovi utenti, con una media di due giocatori in più a settimana. In questo caso, si tratta soprattutto di giovani che riconoscono di avere un problema e che chiedono aiuto direttamente, dopo aver appreso tramite internet e social network che c’è qualcuno in grado di fornirlo”.

La campagna di comunicazione “Umbria No Slot” è il risultato di un concorso di idee promosso dall’Assessorato alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, con il coinvolgimento di quasi 150 creativi in tutta Italia, per selezionare le proposte migliori in grado di parlare a un pubblico più ampio possibile. Si è puntato sulla qualità grafica dell’immagine e sulla trasversalità del messaggio, declinato attraverso layout e video con proposte diverse, utilizzando tutti i principali mezzi di comunicazione attraverso un’azione capillare che unisce un approccio tradizionale, vicino al concetto del porta a porta, all’innovatività del web. Sei i temi utilizzati per dire no al gioco d’azzardo, attraverso un linguaggio semplice, diretto e positivo, che punta sulla consapevolezza del problema e sulla perdita della qualità della vita.

L’azione di sensibilizzazione proseguirà in maniera più capillare, nei prossimi giorni, con la seconda parte della campagna che prevede la distribuzione di materiali informativi, sui rischi legati al gioco d’azzardo e su come uscire da eventuali forme di dipendenza, in tutti i presidi sanitari della regione, negli gli ambulatori medici, nelle farmacie, in collaborazione con Comuni e associazioni.

Contemporaneamente verranno anche distribuite locandine e depliant destinati ai locali con offerta di gioco, da esporre obbligatoriamente all’interno degli stessi. È stato inoltre previsto il marchio “Umbria No Slot” da assegnare a esercizi commerciali liberi da apparecchi per il gioco.

“Attraverso queste ulteriori azioni – evidenzia Barberini – riteniamo di rafforzare l’opera di sensibilizzazione e di intercettare quante più persone possibili, facendo emergere un fenomeno sommerso e sempre più diffuso, che colpisce soprattutto le fasce più deboli della popolazione. Si stima infatti che in Umbria siano circa 10mila le persone con profilo di gioco problematico: il 5,6 per cento della popolazione fra i 15 e i 74 anni.

Un dato in linea con la media nazionale, che nel 2016 ha visto gli umbri spendere circa 1.099 milioni di euro nei giochi autorizzati dai Monopoli, di cui il 67 per cento per apparecchi elettronici e slot machine”.

“La campagna ‘Umbria No slot’ – conclude l’assessore – rientra tra le numerose azioni programmate attraverso la legge regionale per la prevenzione, il contrasto e la cura del gioco d’azzardo patologico. Per dare una risposta a questa forma di dipendenza, la Regione ha messo in campo diverse iniziative come l’attivazione di una serie di servizi in tutti i distretti sanitari della regione, l’apertura di un Centro di riferimento regionale per il trattamento del fenomeno e di altre tre strutture simili, nel territorio dell’Alta Umbria, a Perugia e a Terni, con presa in carico non solo dei soggetti con disturbi da gioco d’azzardo ma anche dei loro familiari, la definizione di un’offerta strutturata e capillare di interventi terapeutici, un numero verde regionale (800.410.902) per ascolto e consulenza, attività formative per operatori e volontari e di promozione della salute nelle scuole, corsi di formazione obbligatori per addetti ai locali da gioco”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*