Le professioni sanitarie a convegno verso il nuovo piano sanitario regionale

Le professioni sanitarie a convegno verso il nuovo piano sanitario regionale

Le professioni sanitarie a convegno verso il nuovo piano sanitario regionale

PERUGIA – Coordinatori e posizioni organizzative  della Azienda Ospedaliera di Perugia e della Usl Umbria 1, si incontrano in un convegno per mettere a fuoco le strategie organizzative da inserire nel prossimo Piano Sanitario regionale. Un convegno della durata di tre giorni, che vede coinvolte per la prima volta i 360 professionisti delle due aziende che occupano un ruolo di gestione dei servizi sanitari.”

Conoscere le potenzialità delle due aziende ed integrale per evolvere i modelli organizzativi  assistenziali per dare sempre migliori risposte ai cittadini – dice la dirigente Patrizia Borghesi  -, è questa la molla che ci ha motivato nel coinvolgere i professionisti che quotidianamente hanno la responsabilità di gestire le risorse  impiegate nei percorsi di cura e assistenza”.

Sulla necessità di sviluppare una maggiore sinergia tra i servizi delle due aziende, si è soffermato l’assessore alla Sanità Luca Barberini, intervenuto nella seconda giornata del convegno in programma presso la sala “Ugo Mercati” del Santa Maria della Misericordia.

Leggi anche: Nuovo Piano sanitario regionale 2018-2020, al via i Tavoli 

“Quello che emergerà da questo incontro – ha sottolineato Barberini – sarà parte integrante del Piano sanitario. L’orgoglio di appartenenza al sistema sanitario regionale è garanzia di  efficienza a favore dei cittadini e di equilibrio delle risorse impiegate”.

I lavori sono stati aperti dal direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Emilio Duca e dalla responsabile delle professioni sanitarie Gabriella Carnio, il cui Intervento è stato incentrato sulla qualità delle prestazioni in ospedale” in particolare modo sulla presa in carico e accoglienza del paziente e sulla misurazione degli esiti assistenziali”. Il dg ha voluto ripercorso le tappe di sviluppo delle professioni sanitarie e il contributo che le stesse possono dare alla innovazione dei modelli organizzativi e assistenziali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*