Ilvano Ercoli ringrazia personale della chirurgia d’urgenza

Lo storico dirigente del Perugia calcio: “ Mi avete fatto sentire come a casa mia”

Ilvano Ercoli ringrazia personale della chirurgia d’urgenza

Ilvano Ercoli  ringrazia personale della chirurgia d’urgenza

Il mondo dello sport e del calcio in particolare  è capace di grandi manifestazioni di vicinanza e solidarietà nei momenti più difficili dei suoi protagonisti.

Quelli  legati alla salute richiedono grande determinazione per recuperare il tempo passato in Ospedale ed un personaggio conosciuto non solo tra gli addetti ai lavori, ma anche dai tanti sportivi  che frequentano  lo stadio Curi, Ilvano Ercoli,  ha voluto ringraziare quanti gli hanno manifestato vicinanza.

Un quarto di secolo quello di Ercoli  vissuto intensamente nel Perugia calcio, a fianco di  presidenti, direttori sportivi, allenatori.

Ercoli è stato costretto ai box per qualche settimana, ma ora che le terapie si stanno avviando a conclusione, ha voluto trasmettere alla Direzione Generale del S. Maria della Misericordia  una lettera di ringraziamento al personale ospedaliero  che lo ha curato.

Una lettera di gratitudine verso i sanitari e verso i protagonisti del calcio che gli hanno manifestato  i sentimenti più nobili.

Eccola:

”Magari anche  oggi  sui giornali si parlerà  di malasanità; non compete a me giudicare, perché ci sono istituzioni preposte ai controlli di quanti accade in un ospedale. Personalmente posso solo dire di  aver  toccare con mano una vera e propria eccellenza della sanità.  Durante il mio periodo di degenza presso il Reparto di Chirurgia d’Urgenza dell’Ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Perugia, diretto dal Prof. Annibale  Donini,  ho potuto godere in prima persona, ma anche constatare nei confronti degli altri pazienti,  di un trattamento di primo livello da parte di tutto il personale medico ed infermieristico:  dalla professionalità in ambito chirurgico,  professionalità riscontrata anche grazie alla riuscita dell’intervento cui sono stato sottoposto, alla sensibilità con cui dottori, infermieri e  personale sanitario si sono prodigati  nel seguire il decorso post-operatorio, oltre che la disponibilità e la costante assistenza per qualsiasi bisogno. Un reparto, quello del Prof. Donini, caratterizzato dalla grazia e dell’empatia con cui tutti, dal primo all’ultimo rappresentante , senza alcuna eccezione, hanno trattato me ed i miei familiari, facendoci sentire non in un ospedale, bensì come a casa nostra. Affidarsi con fiducia e tranquillità, in particolar modo quando si tratta della propria salute, nelle mani di persone come quelle appena indicate, rende un intervento e la degenza relativa meno dolorosi e preoccupanti sia per il paziente, sia per i familiari. E’ stato per me fondamentale sentirmi curato e controllato non come un “numero”, od un caso clinico qualunque, ma come una “persona” degna delle più riguardevoli attenzioni da parte dello staff. A tutti loro va la mia gratitudine per aver fatto fronte a qualsiasi mia necessità,  incoraggiandomi e rassicurandomi ogni giorno, come si fa con una persona di casa. Mi sia anche concesso di ringraziare quanti, al di fuori dell’ambiente ospedaliero ha voluto testimoniarmi con la presenza durante la degenza, con messaggi, lettere, articoli di giornali tutta la vicinanza. Dovrei fare un elenco lunghissimo e sicuramente dimenticherei qualcuno. Sono orgoglioso di aver dedicato tanto della mia vita al calcio, tutte le sue componenti mi sono stati vicino. Grazie di cuore!” 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*