Giornata mondiale abuso di alcol, campagna di informazione e sensibilizzazione

Minorenne in coma etilico, denunciata barista di Sigillo

In occasione della recente Giornata mondiale per la prevenzione dei rischi legati all’abuso di alcol (Alcohol Prevention Day 2015), le Unità Operative di “Sorveglianza e Promozione della Salute” diretta dal dr. Marco Cristofori e di “Epidemiologia e Calcolo Biostatistico” dell’Azienda Usl Umbria 2, in collaborazione con il Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne aziendale ed il prezioso contributo scientifico del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Istituto Superiore di Sanità, hanno promosso una campagna di informazione e sensibilizzazione sul consumo di alcol e sui danni ad esso correlati.

L’alcol, infatti, è uno dei principali fattori di rischio comportamentali nella popolazione giovanile (bere binge e incidenti stradali), nella popolazione adulta (16% di bevitori a rischio in Umbria) e negli anziani che hanno difficoltà di smaltimento. Nella nostra Azienda sono diverse le iniziative in atto nelle scuole, presso i centri di alcologia e sul territorio, sia con unità di strada (Foligno) che con accordi con i gestori (Terni, Narni Amelia e Orvieto).

La campagna informativa, ideata dagli epidemiologi dell’Azienda Usl Umbria 2, ha previsto la redazione, a cura della dr.ssa Anna Rita Bucchi e la pubblicazione, nel sito web istituzionale della nostra azienda, di materiale scientifico e divulgativo che può rappresentare un utile strumento di approfondimento per gli “addetti ai lavori” ma anche di conoscenza e sensibilizzazione per la popolazione.

Nel link di seguito indicato (http://www.uslumbria2.it/pagine/uso-di-alcol) si può consultare la documentazione relativa a:

– CONSUMO DI ALCOL NEGLI ANZIANI: UN PROBLEMA REALE CHE VA AFFRONTATO CON URGENZA
Una panoramica sui dati di consumo della popolazione ultra 65enne

– CONSUMO DANNOSO E ALCOLDIPENDENZA: DUE FACCE DIVERSE DI UN PROBLEMA CLINICO E SOCIALE CHE RECLAMA IDENTIFICAZIONE PRECOCE
Un quadro completo e le definizioni sui livelli di assunzione giornaliera dannosi e l’alcoldipendenza

– LA MORTALITA’ ALCOL-ATTRIBUIBILE IN ITALIA E NELLE REGIONI
Analisi delle cause di morte nei contesti territoriali e nelle differenti generazioni contenente la sintesi dei dati elaborati dall’Osservatorio nazionale alcol (Ona)

– DUE, UNO, ZERO: L’IMPATTO DEI NUOVI LIVELLI STABILITI DALLE RINNOVATE LINEE GUIDA SUL CONSUMO ALCOLICO, SULLA DEFINIZIONE DEL RISCHIO E IL MONITORAGGIO DEI CONSUMI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE

– CONSUMO A RISCHIO DI ALCOL: LE LINEE GUIDA EUROPEE
I risultati dell’indagine della joint action europea Reducing Alcohol Related Harm e alcuni dati emersi da un’indagine Ona all’interno della joint action Rarha, finalizzata a sostenere la collaborazione tra gli Stati europei al fine di migliorare la comparabilità dei dati sul consumo, il rischio e il danno alcol-correlato e favorire approcci comuni ed efficaci d’informazione e sensibilizzazione rivolti alla popolazione

– PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE …UN SUGGERIMENTO PER I DECISORI POLITICI
Una sintesi delle evidenze che suggeriscono la necessità di investire in prevenzione screening.

– “BERE MENO È MEGLIO: L’ALCOL PUÒ DARE DIPENDENZA”
Locandina dell’Azienda Usl Umbria 2 in occasione della Giornata mondiale “Alcohol Prevention Day 2015”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*