FOLIGNO, TRAPIANTO DI ORGANI, SABATO IL CONVEGNO

Ecografia renale, un anno ti attesa a Foligno, Ricci denuncia
Ospedale Foligno

ospedale-folignoFOLIGNO – Donare in modo libero per migliorare la qualità della vita di chi ha bisogno. Questo, in sintesi, il messaggio dell’importante convegno “Procedura di donazione dei tessuti oculari a scopo di trapianto”, in programma sabato 22 marzo 2014, alle ore 8.30, presso la sala Alesini dell’Ospedale di Foligno. L’evento, organizzato dall’UslUmbria2 ha lo scopo di informare in modo esauriente e altamente professionale sul percorso del prelievo di cornea, attraverso la sensibilizzazione di cittadini, medici e infermieri per aumentare il numero dei prelievi. Il convegno si articola in due fasi. La prima vede protagonisti i relatori che tratteranno il tema della donazione e del trapianto di tessuti oculari; la seconda, nel pomeriggio, è dedicata alla pratica per un buon prelievo con il corso di addestramento per i medici con specializzazione in Anestesia-Rianimazione e Oculistica. Mentre il prelievo di organi può avvenire dopo diagnosi di morte encefalica, quello delle cornee e di altri tessuti oculari può essere effettuato su ogni deceduto, salvo limitazioni e controindicazioni. “Dal 2004 all’Ospedale di Foligno abbiamo iniziato ad effettuare il prelievo di cornee – spiega il dottor Raffaele Zava, Direttore della Struttura Complessa di Anestesia-Rianimazione e Terapia del Dolore del San Giovanni Battista – tutta la procedura del prelievo da donatore è seguita dal Centro Regionale Trapianti dell’Umbria, coordinato dalla dottoressa Tiziana Garzilli. Le cornee prelevate vengono poi inviate alla Banca degli Occhi e dei Tessuti di Fabriano, coordinata dal dottor Pietro Torresan. Il picco massimo di prelievi, seguito da trapianto, è stato nel 2008, anno che ha visto anche il coinvolgimento di tutti i reparti ospedalieri e la stesura di un protocollo da parte del Servizio di Anestesia e Rianimazione. Negli ultimi anni si è verificato purtroppo un calo dei prelievi a fronte dell’aumento di richieste. Per questo – conclude – il convegno si pone l’obiettivo di informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della donazione, sicuramente la più alta espressione di civiltà”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*