Casa soggiorno di Purello: nuove idee per gli anziani nel ricordo di Velia Dionisi Ridolfi Bizzarri

27 rav IMG_0479 copiaUna serie di quattro eventi, da venerdì 8 aprile a domenica 1 maggio, per celebrare la figura di Velia Dionisi Ridolfi Bizzarri ad un anno dalla sua scomparsa e dalla sua volontà di donare la Casa Soggiorno di Purello, di cui è stata fondatrice e presidente, alla Fondazione Fontenuovo Onlus. In questa occasione la Residenza di Purello, nel Comune di Fossato di Vico, apre nuovamente le porte ai familiari degli ospiti e alla cittadinanza: in programma una mostra fotografica, dei concerti, una Celebrazione Religiosa presieduta dal Cardinale Gualtiero Bassetti e da Mons. Domenico Sorrentino, Arcivescovo di Assisi Nocera Umbra Gualdo Tadino, i quali si tratterranno a pranzo con gli anziani ospiti della Residenza. Un’iniziativa per ricordare la fondatrice della Casa di Riposo e per ragionare sugli sviluppi futuri della struttura e del suo rapporto con la comunità locale. Tra le iniziative in cantiere in vista dell’estate è in programma un servizio di soggiorno vacanze per anziani autosufficienti soli o in coppia. Un’idea nuova che mira a favorire la qualità della vita nella terza età durante i mesi estivi, un servizio rivolto anche alle famiglie con persone in età avanzata a carico, che potranno avvalersi della struttura di Purello per concedere ai propri cari una vacanza a misura di anziano in un luogo a forte vocazione turistica situato all’interno del Parco del Monte Cucco. La signora Ridolfi Bizzarri è stata una figura di riferimento per il territorio e non solo, da sempre in prima linea sia sul fronte imprenditoriale, dalla Monina al Calzaturificio di Fossato alla Faber/Flaminia, che su quello sociale, con la Casa di Riposo di Purello. Dopo la morte del marito, Francesco Ridolfi Bizzarri, nel 1979, che aveva sempre avuto in cuore la realizzazione di una casa di riposo per gli anziani del luogo, superando numerose difficoltà è riuscita a realizzare questo sogno e ad inaugurare la residenza nel 2000. Per anni ha ricoperto poi il ruolo di presidente, determinata a rendere autonoma la struttura e a ricercare un soggetto autorevole per la gestione futura della stessa. Come spiegano da Fontenuovo: “Proprio l’anno scorso, prima di lasciarci, ha firmato l’atto con il quale ha affidato alla Fondazione la Residenza, incaricandoci di proseguire nella sua missione. Con questa serie di eventi, rivolti agli ospiti e a tutti i cittadini, vogliamo omaggiare e ricordare l’impegno sociale e umano della fondatrice e condividere con la comunità di Fossato e con i nostri anziani ospiti dei momenti di convivialità e serenità”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*