Aucc Perugia, premio di Laurea Laccetti incoraggiala la ricerca scientifica

E' intervenuto anche Lucio Crinó, professore straordinario di Oncologia Università degli studi di Perugia

Aucc Perugia, premio di Laurea Laccetti incoraggiala la ricerca scientifica

Aucc Perugia, premio di Laurea Laccetti incoraggiala la ricerca scientifica PERUGIA, 23 OTTOBRE 2016 – Il Premio di Laurea Gianmichele Laccetti, istituito 21 anni fa dall’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro Onlus di Perugia, è un prestigioso riconoscimento al merito e all’impegno di giovani laureati. Il premio è dedicato a Gianmichele Laccetti originario di Termoli e studente di Geologia all’Università di Perugia, prematuramente scomparso a causa di un tumore nel 1994 all’età di 32 anni. La cerimonia di premiazione si è svolta nel pomeriggio di sabato 22 ottobre 2016 a Perugia nella sala Trasimeno della sede centrale di Unicredit di Madonna Alta.

Numerose le tesi giunte sulla scrivania della commissione esaminatrice, molte provenienti da diverse regioni d’Italia. Ad aggiudicarsi il prestigioso premio il neo-dottore Marco Tagliavento, un giovane anconetano laureato all’Universitá Politecnica delle Marche, che ha scelto di analizzare, come argomento di tesi: il rischio cardiologico di chi si sottopone alle terapie del cancro della mammella. A introdurre la relazione del vincitore il dottor Fausto Roila, Direttore dell’Oncologia medica di Terni che ha evidenziato il valore della sua ricerca.

Giuseppe Caforio, presidente AUCC onlus ha dichiarato “Il Premio Laccetti intende incoraggiare i giovani laureati che il Premio affinché continuino gli studi nel settore oncologico. L’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro onlus con questo e altri strumenti intende accrescere e stimolare la cultura della Ricerca Scientifica.”

Giuseppe Servillo, professore dell’Universitá degli Studi di Perugia ha dichiarato “Gianmichele era più che un amico. Un ragazzo ricco di voglia di vita e di serenità trasmessa a tutti quelli che lo hanno conosciuto. Siamo orgogliosi di essere alla ventunesima edizione del Premio che dà la possibilità a giovani laureati di continuare il loro lavoro di ricerca in campo oncologico. Molti vincitori delle edizioni passate hanno intrapreso la carriera di ricercatori nella ricerca di base, clinica e traslazionale in Italia e all’estero. Un ringraziamento particolare agli amici di Gianmichele ed in particolare all’AUCC che permettono che il Premio sia realizzato ogni anno per loro costante volontà unita a quella della Signora Carmelina (madre di Gianmichele Laccetti) che ci ha lasciato da qualche anno questo nobile impegno.”

A chiudere il pomeriggio Lucio Crinó, professore straordinario di Oncologia Università degli studi di Perugia.

Ha introdotto e presentato la professoressa Fabiola Moretti dell’Istituto di Biologia Cellulare e Neurobiologia del CNR di Roma la quale ha presentato al pubblico la relazione intitolata “Una nuova strategia per la riattivazione dell’oncosoppressore p53”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*