Attilio Solinas: «Importante allarme lanciato, la carne rossa si può mangiare con tranquillità»

Trapianti di fegato, paziente umbro muore in lista d'attesa
Attilio Solinas:

Attilio Solinas: «Importante allarme lanciato, la carne rossa si può mangiare con tranquillità»
da Attilio Solinas
La carne rossa e qualche porzione “occasionale” di insaccato si possono mangiare con tranquillità. È importante l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, anche se sono possibili ripercussioni economiche sulle attività produttive e commerciali del settore, che, peraltro, sviluppano un mercato annuale di oltre 30 miliardi di euro e danno lavoro a migliaia di persone.

La virtù come al solito sta nel mezzo e i punti cruciali sono legati, essenzialmente, alle quantità assunte e alle abitudini alimentari quotidiane e durature nel tempo.

Nel nord europa, negli USA e in altre realtà si consumano effettivamente quantità eccessive e “costanti” degli alimenti “sconsigliati” dall’OMS, facendo di frequente uso di carne troppo cotta, con metodi di cottura che ne alterano la struttura, come la grigliatura e di insaccati e salumi soggetti a trattamenti vari, come la salatura e l’affumicatura.

Noi Italiani siamo orientati per tradizione e cultura alla sana “dieta mediterranea”(dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco) ricca di fattori protettivi contenuti in legumi, frutta fresca, verdura, carboidrati integrali, olio extravergine d’oliva (ricco di acidi grassi benefici).

A volte accompagnata da un (solo !) buon bicchiere di vino rosso, che contiene polifenoli benefici per la salute del cuore, presenti anche nella frutta e verdura.
Ho consultato la dottoressa Krizia Ferrini, nutrizionista del gruppo “SmartFood” presso l’Istituto Europeo di Oncologia, la quale mi riferisce in merito alle raccomandazioni del Word Cancer Research Fund: anche lei consiglia di limitare il consumo di carne rossa ed evitare quello di carni lavorate e conservate.

L’epidemiologia nutrizionale e le linee guida internazionali per la prevenzione oncologica, afferma la dottoressa Ferrini, concordano già nello sconsigliare il consumo di salumi, insaccati e ogni genere di carne lavorata. Ad oggi non è stato chiarito il meccanismo d’azione, ma bisogna ricordare che tali prodotti non apportano sostanze protettive, anzi in realta`sono prodotti ricchi di sale e grassi saturi, ingredienti che se consumati in eccesso sono fattori di rischio anche per altre patologie, come quelle cardiovascolari.

Per quanto riguarda il consumo di carni rosse fresche, continua la nutrizionista dello IEO, le linee guida per la prevenzione nutrizionale suggeriscono fino a due porzioni alla settimana seguendo uno stile di vita salutare, con un’adeguata “dose” di attività fisica, e concentrandosi sulla qualità e varietà della dieta che dovrebbe essere ricca di alimenti di origine vegetale.

Quindi è un bene che i Mass media ci abbiano avvertito in merito ai rischi di un’alimentazione scorretta, ma è anche importante ricordare che una dieta giusta nella quantità e variegata nella qualità fa bene alla salute ed è un piacere per la nostra esistenza.

Attilio Solinas

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*