A Terni, presentazione libro di Vera Sabatini

L’associazione Maestri Cattolici di Terni, in collaborazione con l’Istess, organizza per venerdì 19 settembre alle 17 al cenacolo San Marco di Terni l’incontro: “La scuola di ieri e la scuola di oggi: opportunità, ostacoli, timori e prospettive” nel corso del quale sarà presentato il libro di Vera Sabatini “Tempo della scuola, tempo della vita – Tra memoria e futuro” edizioni Kion Terni.

All’incontro, coordinato da Stefania Parisi direttrice dell’Istess, interverranno Bruno Forte già presidente nazionale Aimc, Valentina Scarano insegnante, Vera Sabatini autrice del libro ed insegnante in pensione.

Un’occasione per parlare della scuola di ieri e di oggi, elemento importante, ieri come oggi, per lo sviluppo dell’uomo e della società. Un libro quello di Vera Sabatini, che riconcilia con la scuola e destinato a mettere in discussione l’idea, diffusa dai mezzi di comunicazione di oggi, secondo cui la scuola non saprebbe stare al passo con i tempi, non sarebbe più in grado di formare né di istruire le nuove generazioni e gli insegnanti sarebbero demotivati e spesso non all’altezza del loro ruolo.

Eppure, dal libro, emerge come nella scuola, ieri come oggi, esistano professionalità straordinarie impegnate a creare progetti educativi che hanno per fine la formazione dell’individuo nel suo “essere persona”.

“Nella vita quotidiana come nel lavoro, ed in particolare nella relazione educativa, è estremamente importante essere consapevoli dei grandi cambiamenti culturali – spiega l’autrice – come quello relativo alla concezione del tempo proprio per non perdere quella specificità umana dell’educare’ che deve accompagnare ognuno di noi a diventare ‘persona’, a sviluppare competenze e abilità cognitive, ma anche capacità relazionali.

Un tempo non tanto e non solo da ‘riempire’, ma da ‘vivere’. Sono andata allora con la memoria alla mia esperienza scolastica, a quando ancora questo aspetto non era così problematico, almeno all’inizio, ed ho ripercorso gli anni passati cercando di rendere presenti volti, ambienti, esperienze, aiutata anche da semplici fogli di quaderno, bigliettini e cartoncini che avevo portato con me”.

La vita emerge nella sua molteplicità di aspetti gioiosi, problematici, creativi, personali, familiari, scolastici.

Il tempo a nostra disposizione può diventare un ‘tempo dell’essere’ capace di frenare quella corsa affannosa che produce stanchezza, demotivazione, smarrimento di senso”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*