Perugia, la Caritas perugino-pievese al 37° Convegno nazionale delle Caritas diocesane

logo convegno nazionale caritas diocesanePERUGIA – Tra i diversi direttori ed operatori delle 220 Caritas diocesane d’Italia al 37° Convegno nazionale promosso dalla Caritas italiana a Cagliari (31 marzo-3 aprile) dal titolo “Con il Vangelo nelle periferie esistenziali”, ci sarà anche il vice direttore della Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve Stella Cerasa. Nel partecipare ai gruppi di lavoro di quest’importante assise, Stella Cerasa porterà l’esperienza della Caritas perugina impegnata nel sostenere singole persone ed interi nuclei familiari in difficoltà, che quotidianamente giungono al Centro di Ascolto diocesano e nei Centri di Ascolto parrocchiali Caritas. Basti pensare all’opera di accoglienza avviata attraverso il recente “Villaggio della Carità-Sorella Provvidenza” in Perugia e al sostegno che l’iniziativa del “Fondo di solidarietà delle Chiese umbre” dà a numerose famiglie perugine in difficoltà a partire dall’agosto 2009. Significativo è anche quanto viene svolto quotidianamente dalla stessa Caritas diocesana e da quelle parrocchiali, che forniscono attraverso le proprie strutture e servizi un sostegno immediato a quanti si rivolgono per poter mangiare e pagare le utenze domestiche, l’affitto, le spese scolastiche dei figli e per fronteggiare malattie impreviste.

Anche la Caritas perugino-pievese si appresta a partecipare all’imminente 37° Convegno nazionale delle Caritas diocesane con lo spirito e la consapevolezza evidenziati dal cardinale presidente della Cei Angelo Bagnasco nel dire recentemente: «il prossimo Convegno nazionale a Cagliari sarà l’occasione per scambiare esperienze e speranze, ma soprattutto per rinnovare motivazioni e fiducia alla luce dei sentimenti di Cristo». Il cardinale ha anche evidenziato che gli sforzi delle 220 Caritas diocesane si sono moltiplicati e le iniziative per far fronte alla crisi sono in quattro anni raddoppiate. Ha ricordato anche il Rapporto 2014 curato dalla Caritas italiana su povertà e esclusione sociale in Italia intitolato “False partenze”, che da domenica 30 marzo sarà on line sul sito www.caritas.it .

Da questo nuovo Rapporto sulle povertà emergono dati allarmanti, come l’aumento impressionante di italiani che bussano alla porta, così come di gruppi sociali che fino ad oggi erano estranei al disagio sociale. Una preoccupazione rilanciata anche a livello europeo dal secondo rapporto di monitoraggio dell’impatto della crisi economica in sette “paesi deboli” dell’UE (Italia, Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda, Romania e Cipro), curato dalla Caritas Europa e presentato in questi giorni ad Atene, in occasione del semestre di presidenza greco dell’UE. Nel testo sono riportati dati e testimonianze, le forme di intervento delle Caritas nei paesi caso-studio e una serie di valutazioni e raccomandazioni rivolte alle Istituzioni europee, ma anche ai singoli governi, affinché si adottino misure che possano alleviare gli effetti negativi della crisi in particolare sulle fasce più vulnerabili.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*