Il vademecum della Pastorale scolastica, dieci spunti per un impegno educativo

Il vademecum della Pastorale scolastica, dieci spunti per un impegno educativo
Il vademecum della Pastorale scolastica, dieci spunti per un impegno educativo

Il vademecum della Pastorale scolastica, dieci spunti per un impegno educativo
L’Ufficio per l’educazione e la scuola dell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve ha pubblicato un vademecum con lo scopo di favorire una maggiore conoscenza del ruolo essenziale della scuola, in particolare per la sua valenza sotto l’aspetto culturale-formativo-esistenziale.

La pubblicazione nasce dal desiderio, da parte di questo Ufficio diocesano, di «offrire alcuni spunti di riflessione e di possibile impegno pastorale – spiega il suo direttore, il prof. Luca Oliveti –, affinché si concretizzi una chiara presa di coscienza, da parte della comunità cristiana, del valore educativo della scuola».

Sono dieci i punti su cui si articola il vademecum , affrontando ed analizzando, in maniera trasversale, punti di forza e debolezze in ambito scolastico. Partire dalla riaffermazione delle tre “Agenzie educative” fondamentali (Famiglia, Scuole e Chiesa) è il primo passo per rinnovare un’alleanza educativa per contribuire a costruire il futuro delle giovani generazioni, basata sul dialogo, rispetto reciproco e partecipazione attiva; risulta necessario, da questo punto di vista, una formazione dei fedeli laici che l’Ufficio diocesano promuoverebbe con la collaborazione delle associazioni cattoliche scolastiche, per rinsaldare i ponti di dialogo e scambio fra l’istituzione scolastica, la comunità cristiana e le famiglie.

Nel programma non manca l’attenzione ai temi “eticamente sensibili”, quali l’affettività, promuovendo progetti alternativi spendibili secondo la programmazione scolastica: la scuola diventerebbe così, citando papa Francesco, “luogo di incontro” e non più luogo di passaggio, e sarebbe così favorito lo sviluppo di un’ambiente capace di investire sul valore dello scambio culturale, su cui possono convergere credenti e non credenti.

Rimane fermo il coinvolgimento, da questa prospettiva, degli insegnanti di religione, nel ruolo di raccordo tra parrocchia e scuola, che può essere, altresì, favorito dal dialogo con il mondo dell’oratorio: una pluralità di strumenti con l’obiettivo di educare alla cittadinanza, per sostenere, come diceva san Giovanni Bosco, la formazione di una nuova generazione di “onesti cittadini e di buoni cristiani”.

Il testo integrale del vademecum può essere scaricato dall’indirizzo http://diocesi.perugia.it/vademecum-pastorale-della-scuola/

Il vademecum

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*