GUBBIO, AL VIA QUESTA SERA “LA GIOIA DI EDUCARE ALLA FEDE”

ManPraying(umbriajournal.com) GUBBIO – Sacerdoti, diaconi, religiosi e religiose, operatori pastorali, laici: il vescovo Mario Ceccobelli ha chiamato a raccolta davvero tutta la Chiesa per l’apertura, questa sera alle 18.30, dell’Assemblea Diocesana. Tre giorni di lavoro e due appuntamenti nel weekend per riflettere e lavorare insieme su “La gioia di educare alla fede”, tema che verrà discusso anche grazie all’apporto di don Valentino Bulgarelli, direttore dell’Ufficio catechistico diocesano di Bologna, che terrà questa sera una relazione su “La Comunità, grembo che genera la fede” e di don Giuseppe Nevi, responsabile dell’Ufficio per la Pastorale familiare della Diocesi di Cremona. Don Nevi domani alle 19 parlerà della “Famiglia, chiesa domestica che educa alla fede”. E sarà ancora Nevi a tenere, venerdì, una relazione sui catechisti e sul loro ruolo di accompagnatori alla fede, alla quale seguirà un dibattito.

 

Gli incontri si terranno nelle sale del Seminario diocesano di Gubbio. Per sabato alle 21, invece, è in programma una veglia di preghiera nella chiesa di San Francesco. Alle 20.30 si partirà, in contemporanea, dalle chiese di Sant’Agostino, San Secondo e Madonna del Prato: a San Francesco, in simultanea con le otto Diocesi dell’Umbria, si pregherà in preparazione della festa del Poverello, che quest’anno sarà salutata anche dalla visita di Papa Bergoglio ad Assisi. Prevista per domenica 22 la chiusura dell’Assemblea, con la festa della Diocesi in occasione della dedicazione della Cattedrale. Alle 17, in Duomo, si terrà una solenne celebrazione eucaristica di tutto il Presbiterio, presieduta dal vescovo. Nel corso della celebrazione monsignor Ceccobelli darà mandato ai catechisti e presenterà alla città i seminaristi. Nei giorni dell’assemblea verranno sospese tutte le messe vespertine nelle chiese delle Diocesi e le offerte che verranno raccolte dai fedeli saranno destinate alla solidarietà diocesana.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*