Grazie don Elio Bromuri, uomo del dialogo

Grazie don Elio Bromuri, uomo del dialogo. Con la scomparsa di don Elio Bromuri, Perugia e l’Umbria perdono un uomo del dialogo. La sua attenzione al dialogo interreligioso, ecumenico e interculturale è stata una risorsa autentica, preziosa e, dobbiamo ammetterlo, abbastanza rara per la nostra comunità. La sua fermezza nelle proprie convinzioni non gli ha impedito di assumere un atteggiamento di sincera apertura, di ascolto e dialogo anche con coloro che apparivano più lontani. Per questo don Elio è riuscito ad animare una fitta sequenza di incontri e relazioni tutt’altro che banali o scontate. Penso innanzitutto all’incontro-scontro con Aldo Capitini, il suo pensiero, la Marcia per la pace Perugia-Assisi attorno ai quali ha voluto ripetutamente riflettere. Ma anche alla tenacia con cui ha costruito occasioni di incontro con la comunità islamica. Don Elio non ha mai nascosto o camuffato il suo punto di vista ma non ha mai censurato quello degli altri. Anzi, dagli altri si è sempre lasciato interrogare.

“Interrompere un dialogo non è mai piacevole”, ha scritto nel suo ultimo editoriale de La Voce “ma in questi casi è inevitabile”. Speriamo di riprenderlo, caro don Elio, insieme a tutti quelli che non vorranno dimenticare la tua lezione.

Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace

1 Commento su Grazie don Elio Bromuri, uomo del dialogo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*