Giubileo Misericordia, a Terni aperta Porta Santa

Per vivere e ottenere l’indulgenza i fedeli sono chiamati a compiere un breve pellegrinaggio verso la Porta Santa

Giubileo Misericordia, a Terni aperta Porta Santa

Giubileo Misericordia, a Terni aperta Porta Santa

Migliaia di fedeli hanno partecipato alla cerimonia per l’apertura della porta della Misericordia nella Cattedrale di Terni, raggiungendo in pellegrinaggio a piedi dalla chiesa di San Pietro il Duomo. Una lunga fila ha attraversato le strade del centro della città accompagnata dai tutti i sacerdoti della diocesi e dai gonfaloni delle città principali della diocesi. Alla cerimonia, presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese, erano presenti il prefetto vicario Andrea Gambassi, il sen. Gianluca Rossi, il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo, i sindaci dei Comuni di Guardea, Giove, Lugnano, Alviano e i rappresentanti istituzionali dei comuni di Amelia e Narni, il questore Carmine Belfiore, il colonnello dei Carabinieri Giovanni Capasso, il comandante dei Vigili del fuoco e le altre autorità militari, la direttrice del carcere Chiara sabatini con quattro detenuti.

In una piazza Duomo gremita, il vescovo ha aperto la porta della Misericordia, la porta centrale della Cattedrale di santa Maria Assunta attraverso cui sono passati in processione tutti i presenti.

“Nell’anno della misericordia ci viene offerta l’opportunità di un bagno rigeneratore e di un nuovo cammino di vita – ha detto il vescovo nell’omelia – Guardiamo alla nostra vita presente e passata. Le ombre nascoste eppure pesanti, i peccati, i rancori, le ingiustizie, le debolezze trasformate in ferite, mai rimarginate; le situazioni che non abbiamo mai avuto il coraggio di riconoscere e affrontare apertamente e di cui proviamo vergogna: in questo giubileo possiamo veder tutto guarito e cancellato nel bagno della misericordia.

Basta che lo vogliamo, che ci presentiamo al Padre e poniamo la nostra vita e la nostra storia ai suoi piedi. L’immagine adatta e appropriata per questo momenti non è quella del colpo di spugna, né della operazione meccanica compiuta sul computer della vita con la pressione del tasto “delete” su una serie di files pieni di virus evidenziati: sei proprio sicuro di voler cancellare? No! sarebbe operazione meccanica, impersonale e tutto sommato nemmeno efficace e definitiva. Si tratta invece di sentir fremere le nostre viscere, di lasciarci raggiungere dalla nostalgia del calore della casa paterna, e dallo slancio nell’abbraccio come in un tuffo tra le braccia e nel cuore del Padre”.

L’anno giubilare era celebrato nella tradizione biblica ogni 50 anni ed era di straordinaria pacificazione tra la gente, di riequilibrio sociale con la restituzione della terra  agli antichi proprietari, di condono dei debiti, di una amnistia generale per ogni persona in ambito civile, sociale e spirituale, di riconciliazione e di condono di pesi, accumulati in 50 anni, in una vita intera, e per molti, divenuti insopportabili.

Poi si è passati alla celebrazione dell’anno giubilare ogni 25 anni e all’indizione di diversi giubilei straordinari come questo della Misericordia voluto da papa Francesco in un momento difficile e di grandi cambiamenti epocali perché la Chiesa volgesse la sua attenzione verso la misericordia per metterla, in maniera reale, al centro della sua azione.

“Sono tempi difficili per tutti – ha aggiunto il vescovo -. Siamo orgogliosi dei successi della globalizzazione. Ma abbiamo globalizzato anche  il disagio, l’insicurezza, la paura e l’instabilità umana, psicologica, sociale, spirituale, cristiana. La confusione regna sovrana anche a livello nazionale, nelle nostre città, paesi, famiglie e comunità. I riferimenti fondanti, i principi etici, morali e civici quali coordinate per orientare e sorreggere l’esistenza, si sono persi. A livello sociale sono tante le ingiustizie, crisi e disagi sempre più insopportabili; a livello politico con una terza guerra mondiale combattuta a pezzettini; a livello religioso con una insofferenza e sopraffazione di gruppi sedicenti religiosi, che ammazzano e perseguitano con ferocia inaudita in nome di Dio; a livello ecologico con stravolgimenti climatici, provocati da un atteggiamento di disordine e rapina, che rischiano di condurre a conseguenze incalcolabili di distruzione della terra; a livello ecclesiale con l’invito a ritornare più decisamente al Vangelo, da vivere e annunciare, a 50 anni dal Concilio Vaticano II.

Papa Francesco con l’indizione del Giubileo sta cercando di fare breccia nella mente e nel cuore degli uomini di buona volontà, proponendo un principio unificatore quale percorso per alleviare la generale sfiducia e sospetto  tra gli uomini e indicando la via della Misericordia per superare la competizione in ogni campo: politico, sociale, economico, etnico e religioso. Essa ha tante traduzioni, ma la sua natura è patrimonio del genere umano in generale e di ogni uomo, qualunque sia il suo percorso storico, esistenziale e sociale. Se con sincerità e rettitudine indaghiamo nelle profondità del nostro essere  vi scopriamo quantità reali di misericordia, anche se in misura variabile”.

[otw_shortcode_info_box border_type=”bordered” border_color_class=”otw-green-border” border_style=”bordered” background_pattern=”otw-pattern-2″]Parlando della Misericordia il vescovo ne ha esposto i vari aspetti legati ai sentimenti, ma anche con i miseri, i bisognosi “gli altri che si pongono di fronte al nostro cuore in dialogo di reciprocità, chiedendo e donando, in senso simbolico, ma anche in senso materiale”. Misericordia intesa anche come “grembo materno, potenzialmente fecondo  e realmente generatore e custode della vita nella fase di maggiore bisogno e nella provocazione della tenerezza che diventa suscitatore di emozioni e di fremiti che coinvolgono il corpo e tutta la persona” o come l’attenzione del Padre “che non si dà pace per il figlio, attirato dalle chimere di un mondo traviato e ormai ridotto nella servitù più umiliante e disumana” ed infine misericordia operosa come quella del samaritano che “si lascia commuovere e si china in soccorso dell’umanità, anzi di un uomo percosso e ferito da odiosi briganti e umiliato dall’indifferenza dei simili che hanno anestetizzato il fremito del cuore compassionevole e isterilita la propria capacità generativa, ormai spenta alla promozione e custodia della vita umana”. In questo anno giubilare la misericordia si identifica con “la mano benedicente del sacerdote, che a nome di Dio ripete centinaia e centinaia di volte: io ti assolvo! all’uomo e alla donna smarriti, che fiduciosi del perdono del Padre non si arrendono alle debolezze del male, che vanno debellate con l’umiltà e col costante abbandono fiducioso alla grazia di Dio.         [/otw_shortcode_info_box]

Misericordia è il perdono donato a chi è debitore verso di noi, dopo aver sperimentato a nostra volta la gioia del perdono di Gesù.

Misericordia è ritrovarci attorno alla mensa del Signore per impararne la Lui il significato e per nutrirci del pane della vita che ci insegnerà a sperimentare la gioia della misericordia”.

“Non abbiamo timore: intraprendiamo questo cammino di conversione a U, di ritorno al Padre. Lungo la strada penseremo e ripeteremo le parole adatte per illustrare il nostro pentimento e farci accogliere. Nella confessione ci verrà detta la parola attesa: Il Signore ha perdonato i tuoi peccati, va in pace!”.

Altre saranno le porte in quest’anno giubilare: la porta della chiesa dell’Ospedale di Terni; la porta della cella per i detenuti; la porta della malattia, vissuta con dignità e insieme a Gesù; la porta della nostra casa, chiesa domestica; la porta della fabbrica,dell’ufficio, del posto di lavoro; la porta delle nostre chiese, ambito della nostra vita sacramentale; la porta del cuore, che si abilita gradualmente in porta della misericordia, che ammette i fratelli nella convivialità delle opere di misericordia.

Per vivere e ottenere l’indulgenza i fedeli sono chiamati a compiere un breve pellegrinaggio verso la Porta Santa, aperta in ogni Cattedrale o nelle chiese stabilite dal Vescovo diocesano, e nelle quattro Basiliche Papali a Roma, come segno del desiderio profondo di vera conversione, unito, anzitutto, al Sacramento della Riconciliazione e alla celebrazione della santa Eucaristia con una riflessione sulla misericordia.

Sarà necessario accompagnare queste celebrazioni con la professione di fede e con la preghiera per il Papa e per le sue intenzioni per il bene della Chiesa e del mondo intero.

Per gli ammalati e le persone anziane e sole sarà di grande aiuto vivere la malattia e la sofferenza come esperienza di vicinanza al Signore che indica la via per dare senso al dolore e alla solitudine. Vivere con fede e gioiosa speranza questo momento di prova, ricevendo la comunione o partecipando alla santa Messa e alla preghiera comunitaria, anche attraverso i vari mezzi di comunicazione, sarà per loro il modo di ottenere l’indulgenza giubilare.

L’esperienza della misericordia, infatti, diventa visibile nella testimonianza di segni concreti di misericordia e ogni volta che un fedele vivrà una o più di queste opere in prima persona otterrà certamente l’indulgenza giubilare.

Giubileo Misericordia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*