CITTA’ DI CASTELLO LAVORI POST TERREMOTO NELLA CHIESA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE

CHIESA MADONNA DELLE GRAZIE CITTA' DI CASTELLO
Chiesa di Santa Maria delle Grazie

Il montaggio del cantiere é iniziato il giorno 1 luglio, e una settimana dopo, lunedì 8 luglio, hanno potuto prendere avvio i lavori di consolidamento della volta del santuario di Santa Maria delle Grazie di Città di Castello, lesionata dai due eventi sismici del 20 aprile e dell’8 maggio scorsi. La chiesa è di proprietà dello Stato italiano, che la confiscò all’Ordine dei Servi di Maria nel 1860, e fa parte del patrimonio ecclesiale del Fondo Edifici di Culto (FEC). Sin da subito la questione è stata seguita con grande attenzione sia dalla Prefettura di Perugia che dal vescovo di Città di Castello.  Preso atto della gravità della situazione, che metteva a repentaglio la pubblica e privata incolumità, il lavoro è stato giudicato di somma urgenza. La volta, infatti, esaminata nel corso di un sopralluogo effettuato dai tecnici della Soprintendenza ai Beni Architettonici dell’Umbria e del Comune di Città di Castello il 29 maggio, presentava lesioni molto evidenti sulla parte a ridosso della
controfacciata, alla sinistra dell’ingresso laterale, ma l’esame diretto ha portato a constatare la presenza di numerose altre lesioni nell’intero corpo della navata. I lavori sono stati affidati alla ditta CESA di Città di Castello e si protrarranno per alcuni mesi.
Al momento la chiesa è inagibile, mentre rimane agibile la cappella della Madonna delle Grazie, corpo architettonico a sé stante e dotato di un proprio ingresso su Piazza Servi di Maria. Dallo scorso 9 maggio la messa viene celebrata a San Michele Arcangelo, ma prossimamente si prevede di poter tornare a officiare la cappella, almeno nei giorni feriali. Attualmente la cappella, a motivo del numeroso concorso quotidiano di fedeli, è comunque aperta per la preghiera individuale e la celebrazione comunitaria delle lodi mattutine (ore 7,45).
La chiusura della chiesa impedirà la celebrazione della festa della Madonna delle Grazie, patrona di Città di Castello e della Diocesi, nella sua sede naturale: a questo proposito in consiglio pastorale parrocchiale si è riunito già due volte per valutare le possibili alternative. Al momento le ipotesi al vaglio sono più di una e appena sarà individuata l’ipotesi ritenuta
migliore verrà reso noto il programma ufficiale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*