Centinaia di fedeli all’ordinazione episcopale di monsignor Paolo Giulietti

In una gremita cattedrale di San Lorenzo in Perugia, domenica pomeriggio 10 agosto, mons. Paolo Giulietti è stato consacrato vescovo titolare di Termine Imerese ed ausiliare di Perugia-Città della Pieve. Una presenza di fedeli molto calorosa dimostrata anche dal prolungato applauso al termine della lettura della Bolla pontificia con la quale Papa Francesco ha nominato vescovo ausiliare mons Giulietti.

Insieme ai cardinali consacranti Gualtiero Bassetti ed Ennio Antonelli e all’arcivescovo emerito Giuseppe Chiaretti, hanno concelebrato il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, venti vescovi e 140 sacerdoti provenienti da diverse regioni.

Tra le diverse centinaia di fedeli che hanno voluto prendere parte a questa toccante e significativa celebrazione nel giorno della solennità di san Lorenzo martire, titolare della cattedrale perugina, numerosi membri della Confraternita di San Jacopo di Compostela, di cui mons. Giulietti è assistente spirituale, ed una delegazione di rappresentanti delle Istituzioni civili guidata dal sindaco Salvatore Burrafato e di fedeli delle sei parrocchie del comune siciliano di Termini Imerese, antica diocesi della quale il neo vescovo ausiliare di Perugia è titolare. Diversi anche i rappresentanti delle Istituzioni civili del capoluogo umbro presenti alla concelebrazione dell’ordinazione episcopale.

Hanno voluto condividere questo giorno di immensa gioia e festa per la Chiesa perugino-pievese, che dopo quaranta anni ha nuovamente un vescovo ausiliare, anche alcuni sacerdoti e laici con incarichi di responsabilità presso gli Uffici Pastorali della Conferenza episcopale italiana (Cei), dove mons. Giulietti, dal 2001 al 2007, ricoprì l’incarico di direttore dell’Ufficio nazionale per la Pastorale giovanile organizzando la partecipazione di migliaia di giovani italiani alle Giornate Mondiali della Gioventù (GMG) di Toronto, Colonia e Sidney.

Il cardinale Bassetti all’inizio della concelebrazione ha ringraziato il Signore e il Santo Padre per i «grandi doni» che la Chiesa dell’Umbria ha ricevuto nel corso del 2014: tre nuovi vescovi, mons. Giuseppe Piemontese di Terni-Narni-Amelia, ordinato il 21 giugno, mons. Nazareno Marconi, di Macerata-Tolentino-Recanati, ordinato nella cattedrale di Città di Castello il 13 luglio, e mons. Paolo Giulietti, vescovo titolare e ausiliare di Perugia-Città della Pieve, che presiederà la sua prima S. Messa da neo vescovo lunedì mattina 11 agosto, solennità liturgica di Santa Chiara d’Assisi, nel Monastero delle Clarisse di Santa Lucia in Città della Pieve.

Al momento dell’ordinazione a mons. Giulietti sono stati consegnati i “segni visibili del ministero episcopale”: il Vangelo, l’anello, lo zucchetto, la mitra e il pastorale in legno d’ulivo con il simbolo del Tau donato dal cardinale Bassetti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*