Cardinale Bassetti sulle colonne de “L’Osservatore Romano”

Cardinale Gualtiero Bassetti sulle colonne de «L’Osservatore Romano» parla della «follia terroristica»

Nel suo ultimo editoriale pubblicato da «L’Osservatore Romano» di mercoledì 27 maggio, con il titolo “Il sogno di La Pira”, il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Gualtiero Bassetti offre una significativa riflessione sull’importanza dell’unità all’interno della Chiesa.

Solo se la Chiesa è unita, infatti, possiede la «capacità di abbracciare tutti gli uomini al di là di ogni differenza» e può realizzare compiutamente il testamento di Gesù: ovvero che «tutti siano una sola cosa». La «spiritualità dell’unità» – che il cardinale Bassetti evoca citando Chiara Lubich, papa Giovanni XXIII e Giorgio La Pira – ha quindi un duplice significato: opera all’interno della Chiesa permettendo «di vivere la fede con umiltà»; e agisce all’esterno della Chiesa, tra i popoli in conflitto, promuovendo la pace e «l’unità di tutti gli esseri umani».

Una riflessione molto importante, quindi, che introduce con originalità il prossimo viaggio di Papa Francesco il 6 giugno a Sarajevo e che fornisce una risposta di alto significato spirituale a quelle ricorrenti cronache giornalistiche che raccontano le divisioni interne alla Chiesa.

Naturalmente, operare per cercare «l’unità nella Chiesa – scrive il cardinale Bassetti – non significa ricercare un inutile unanimismo di facciata» e neanche mitigare «le differenze di opinioni», che invece rappresentano sempre «un momento di crescita». Quello che però va rifiutato è uno «spirito di divisione» generato dalla mondanità spirituale e caratterizzato da «invidie e gelosie».

Quando questo «spirito mondano» entra nella Chiesa, infatti, produce solamente discomunione e disgregazione perché «ferisce l’unità del corpo di Cristo, si oppone all’azione salvifica di Dio e rischia di neutralizzare ogni opera di rinnovamento pastorale».

L’articolo integrale del cardinale Bassetti è consultabile anche sul sito: www.osservatoreromano.va

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*