A Perugia tre giornate di studio Cei

Logge di Braccio, capitolo cattedrale: "Lo spazio può essere usato per eventi di carattere pubblico"

“Dalla solidarietà alla fraternità: identità, estraneità e relazioni per un nuovo umanesimo” è il primo dei tre laboratori promossi dalla Conferenza episcopale italiana (Cei) in preparazione del V Convegno ecclesiale nazionale e rappresenta una tappa importantissima, per tutta la Chiesa italiana, nel percorso di avvicinamento all’appuntamento di Firenze. Questo laboratorio si svolgerà a Perugia, dal 7 al 9 maggio, presso l’Auditorium Centro Congressi FIGC in strada di Prepo, ed ha una sua specificità.

Innanzitutto è organizzato in stretta collaborazione con l’Università degli Studi del capoluogo umbro, cioè con la massima istituzione culturale del territorio, ed ha l’ambizione, quindi, di essere un momento di alto profilo scientifico. In secondo luogo, si colloca sulla scia di altre importanti iniziative culturali che sono state svolte negli ultimi anni.

In particolare, prosegue il percorso formativo e culturale sul tema del nuovo umanesimo proposto dall’associazione culturale Stromata; si pone in linea di continuità con i convegni organizzati dal 2007 dalla Scuola di Formazione politica Agorà – nello specifico “Per un nuovo umanesimo” del 2011 e “I desideri dell’uomo” del 2013; raccoglie l’eredità dell’importante iniziativa internazionale organizzata dalla Conferenza episcopale umbra (Ceu) nel novembre del 2013 dal titolo “Custodire l’umanità. Verso le periferie esistenziali”.

Nel laboratorio di Perugia vi saranno due importanti momenti di riflessione centrati sulla dimensione interreligiosa che valorizzino alcune esperienze sul campo e che riflettano sul rapporto tra umanesimo e concezioni religiose. Quest’iniziativa si propone, inoltre, di sviluppare il dialogo intra ed extra ecclesiale. Una garanzia della promozione del dialogo è costituita non solo dalla collaborazione dell’Università degli Studi di Perugia, ma anche dalla partnership con alcune importanti istituzioni di ricerca internazionali, come Università cattolica di Lyon, Notre Dame University, PUC di Rio de Janeiro e Istituto Universitario Sophia di Loppiano. Alcuni docenti di questi atenei fanno parte del Comitato scientifico del Convegno.

All’appuntamento perugino in vista del V Convegno ecclesiale nazionale di Firenze (9-13 novembre 2015) interverranno diversi esperti e studiosi, i cui lavori inizieranno alle ore 15 di giovedì 7 e si concluderanno alle ore 13 di sabato 9 maggio (il programma dettagliato con i nomi dei relatori e titoli dei temi affrontati è consultabile nella sessione “primo piano” del sito www.chiesainumbria.it).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*