Ponte San Giovanni a Pieve di Campo, l’erba torna a ricevere i raggi del sole

Intanto Velimna è alle porte e anche gli “angeli” del verde si sono prenotati

Ponte San Giovanni a Pieve di Campo, l'erba torna a ricevere i raggi del sole

Ponte San Giovanni a Pieve di Campo, l’erba torna a ricevere i raggi del sole. da Gino Goti – Soddisfazione dell’”erba” del campetto di Pieve di Campo, per lungo tempo sepolta da uno spesso strato di aghi di pino (e non solo), e ora tornata a ricevere i reaggi delsole dopo l’intervento di pulizia dei dieci ragazzini coordinati dal giovane Tommy. E soddisfazione a Ponte San Giovanni: molti sono saliti a Pieve di Campo per vedere l’operato dei ragazzi e per gustare un gelato e un po’ di aria fresca e, speriamo, per seguire l’esempio del gruppetto di giovani volontari, soddisfatti anche loro ed orgogliosi che altri coetanei, in altre zone della città, abbiano seguito il loro esempio.

Ora i dieci ragazzi, impegnati nel ripulire altri piccoli spazi del quartiere di Pieve di Campo, hanno già prenotato un costume etrusco da indossare nella sfilata storica di Velimna del 4 settembre. Il regista Boccacci riserverà loro nella sfilata una scena di musici, essendoci tra loro alcuni che suonano già un strumento. A proposito di Velimna il presidente Antonello Palmerini è molto soddisfatto dell’assicurazione che tutte le strade saranno pulite e tolte le erbacce sulle strade del paese e su quelle agli ingressi, contrassegnati dalla nuova segnaletica “Ponte San Giovanni, città dei Velimna”.

Soddisfatto anche della richiesta numerosa di costumi e dell’entusiasmo e della curiosità che si sta creando intorno all’edizione 2016 di “Velima, gli Etruschi del Fiume”. Tema di quest’anno: “L’eros degli Etruschi”, un tema che ha impegnato la creatività del regista e il laboratorio artistico della Pro Ponte dove Marcello, Antonio, Renzo, Alviero e i loro collaboratori stanno realizzando le “macchine” e i “carri” della sfilata. Ovviamente lavorano in segreto e non consentono visite e riprese fotografiche per conoscere le caratteristiche delle loro creazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*