Vinti: “Grazie compagne compagni de La Sinistra per l’Umbria”

Tagli alla Sanità pubblica, Stefano Vinti: "Tutti contenti!"

“Un merito va riconosciuto alle compagne e ai compagni di La Sinistra per l’Umbria (il coordinamento delle liste e associazioni: Sinistra per Terni, La sinistra per Perugia, associazione E. Berlinguer, associazione Umbrialeft, con il sostegno dell’associazione Sinistra Lavoro), quello cioè di aver individuato la necessità, vitale, di collocarsi nello schieramento di centrosinistra e di proporre, per primi la riconferma di Catiuscia Marini. Da questa impostazione hanno aperto la strada all’adesione di Sel e delle liste civiche di Stirati”. A dirlo è Stefano Vinti.

“Una prima aggregazione – secondo Vinti – a sinistra del PD, plurale e inclusiva, che seppur nel risultato, in assoluto modesto, raggiunge il quorum con 9010 voti e il 2,56%, permettendo la presenza in Consiglio regionale della sinistra umbra, attraverso Umbria più Uguale. Inoltre, l’indicazione di Catiuscia Marini si è rivelata quanto mai opportuna, infatti, la candidata Presidente ha riportato 7000 voti in più rispetto alla coalizione e se non fosse stata troppo accostata a Renzi il suo successo personale sarebbe stato ben superiore”.

“Il risultato di Umbria più Uguale – sottolinea Stefano Vinti – deve essere considerato un primo passo verso un soggetto politico che deve giungere alla costituzione di un nuovo soggetto politico della sinistra. Inoltre, nel rivolgere i complimenti e gli auguri di buon lavoro al neo eletto, Giuseppe Biancarelli, è da sottolineare che Sergio Cardinali, espressione di La Sinistra per l’Umbria, risulta il primo dei non eletti, con uno splendido successo personale”.

“Voglio ringraziare – conclude Vinti – tutte le compagne e i compagni de La Sinistra per l’Umbria, per l’impegno e lo slancio con cui si sono prodigati in questa difficile campagna elettorale, nella consapevolezza che il dato dell’astensionismo e la complessa fase politica metterà ancora alla prova la loro passione politica e civile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*