Vicinanza alla Francia, in ricordo di Beppe Cecchetti

Vicinanza alla Francia, in ricordo di Beppe Cecchetti

Vicinanza alla Francia, in ricordo di Beppe Cecchetti
da Giampiero Giulietti
Le tavole del palcoscenico di un teatro, il catalogo della mostra “Parigi Follemente” di Beppe Cecchetti (un nostro amico e concittadino che troppo presto ci ha lasciato), la bandiera europea e la bandiera francese, tre rose del colore della bandiera.

Un’occasione per ricordare, commemorare ed esprimere vicinanza ad un popolo, per dire basta al terrorismo e per chiedere ad alta voce che l’Europa unita intervenga affinché a tutti siano garantite sicurezza, legalità, rispetto delle regole e soprattutto pace.

Beppe Cecchetti era un amico per tutti gli umbertidesi che l’hanno conosciuto.

Alla fine degli anni Cinquanta ha lasciato la sua Umbertide per cercare lavoro all’estero e per vent’anni ha fatto il fotoreporter a Parigi. Beppe fu un testimone privilegiato dei fermenti del maggio francese, ritrasse personaggi famosi e bambini nordafricani in mezzo al degrado e alla sporcizia delle bidonville.

Di fronte all’atrocità di quanto è accaduto in questi giorni, ricordare Parigi, Beppe con le sue foto, non è solo un gesto di amore verso una meravigliosa città ma anche la testimonianza di un legame forte che in qualche modo, attraverso i suoi scatti, ci unisce.

Vicinanza alla Francia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*