Vicenda Gesenu, Flamini/Prc Umbria: «Regione e Comune di Perugia prendano di petto la situazione»

Flamini: «Rifondazione comunista per il no alla controriforma della Costituzione»
Enrico Flamini PRC

Vicenda Gesenu, Flamini/Prc Umbria: «Regione e Comune di Perugia prendano di petto la situazione»

La situazione che sta interessando Gesenu dimostra chiaramente il fallimento delle privatizzazioni nella gestione dei rifiuti. Di sicuro una questione così importante per i risvolti che stanno emergendo rispetto alla presenza di possibili infiltrazioni malavitose non può essere trattata come una sorta di resa dei conti all’interno della Direzione Regionale del PD. Regione Umbria e Comune di Perugia devono invece prendere di petto la vicenda e mettere in campo tutte le azioni possibili affinché le eventuali responsabilità vengano accertate nelle sedi competenti e in tempi rapidi, considerando soprattutto il costo dei servizi per il cittadino e i potenziali danni all’ambiente e alla salute.
Detto questo, serve un nuovo Piano regionale dei rifiuti, in cui prevedere in maniera certa e definitiva l’esaurimento delle discariche, l’abbandono di ogni forma di incenerimento e l’adozione della strategia “Rifiuti Zero”. Ma non basta. La creazione di un’Azienda Speciale Regionale interamente pubblica per la gestione di servizi quali la nettezza urbana rappresenterebbe l’unico possibile ribaltamento della logica perversa delle privatizzazioni e l’unico tentativo di dare una risposta efficace e stabile alle problematiche emerse.

Vicenda Gesenu

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*