Vicenda Gesenu, consigliere Camicia richiede accesso agli atti

Aeroporto, Camicia: «Ha bisogno di un Vero Pronto Soccorso»
Carmine Camicia

Vicenda Gesenu, consigliere Camicia richiede accesso agli atti.

Dopo il sopralluogo effettuato ieri alla discarica di Pietramelina e a seguito delle dimissioni del Presidente dei Revisori dei Conti della Gesenu, il Consigliere di Forza Italia Carmine Camicia ha inviato una richiesta di accesso agli atti al Presidente della Gesenu, al fine di avere informazioni rispetto al ruolo della consulente, qualificatasi come avvocato dell’azienda Gesenu nel corso della suddetta visita di ieri e di ricevere copia della lettera di dimissioni del Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti.

A tal fine, Camicia ricorda che l’art. 7 del regolamento Comunale sugli indirizzi per la nomina la designazione e la revoca dei rappresentanti del Comune di Perugia, presso Enti, Aziende e Istituzioni, prevede l’obbligo di fornire  informazioni e relazionare sia al Sindaco sia  al Presidente del Consiglio Comunale, su tutte le vicende che riguardano l’Azienda.

Per questo, sostiene il consigliere, le dimissioni di un Presidente di un organo di vigilanza, non si possono conoscere attraverso la stampa.

 

Qui di seguito il testo integrale della richiesta di accesso agli atti inviata dal consigliere al Presidente del CDA di Gesenu oggi.

Ch.mo Presidente,

in data 02/11/2015, previa comunicazione effettuata in anticipo, una delegazione del Gruppo Consiliare di FI del Comune di Perugia si è recata presso la discarica di Pietramelina, accompagnata da un dirigente del Comune di Perugia per effettuare un sopralluogo.

Giunti sul posto, la delegazione è stata accolta, da due Dirigenti della Gesenu e da una consulente che si qualificava come Avvocato dell’Azienda.

La notizia del sopralluogo destava interesse da parte della stampa, che nell’aspettare la delegazione, chiedeva di poter seguire la stessa nel sopralluogo, richiesta rifiutata inspiegabilmente dai dirigenti della Gesenu.

Nel ritenere eccessivo vietare l’ingresso alla stampa, poichè sia la presenza dei giornalisti che quella dei consiglieri non poteva creare alcun pericolo alle indagini della Magistratura, in quanto l’area sottoposta a sequestro oltre a non essere nemmeno delineata con nastri o sigilli, era di difficile accesso, ma ampiamente visibile dall’esterno dell’impianto.

Per quanto sopra, si chiede di conoscere il nome della Professionista che si qualificava come avvocato dell’azienda, se l’avvocato è dipendente della Gesenu e il tipo d’incarico conferito, il periodo ed i compensi richiesti e/o pagati.

Si chiede altresì, copia lettera di dimissione del Presidente del Collegio dei Revisori, ricordando al Presidente che l’art. 7 del regolamento Comunale sugli indirizzi per la nomina la designazione e la revoca dei rappresentanti del Comune di Perugia, presso Enti, Aziende e Istituzioni, prevede l’obbligo di fornire  informazioni e relazionare sia al Sindaco sia  al Presidente del Consiglio Comunale, su tutte le vicende che riguardano l’Azienda, e le dimissioni di un Presidente di un organo di vigilanza, non si possono conoscere attraverso la stampa.

In attesa di riscontro, nei termini previsti dal regolamento, s’inviano cordiali saluti

Perugia, 03/11/2015                                                  

Consigliere Carmine Camicia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*