Vertenza AST-TK, Polidori (FI), “Urge piano industriale”

Alla vigilia dell’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, l’ex vice Ministro al Commercio Estero, On. Catia Polidori, torna sulla vertenza Ast-Tk: «Mi permetto di fare mie le parole del Sommo Pontefice, che oggi ha esortato a difendere la dignità concessa all’uomo dal lavoro.

I rappresentanti di Forza Italia dal più piccolo dei comuni all’Europarlamento sono e saranno impegnati a difendere i lavoratori, le loro famiglie e l’intera comunità ternana e umbra (tenuto conto anche del vasto indotto nel territorio) e a scongiurare le conseguenze nefaste che questa crisi in particolare e un processo di deindustrializzazione su scala nazionale avrebbero sul tessuto sociale e produttivo italiano».

«Da economista so bene l’importanza di contenere i costi, ma da imprenditrice conosco altresì che i risparmi non possono essere conseguiti non tenendo nel debito conto i lavoratori e il territorio che hanno contribuito a rendere florida quella stessa impresa.

Da politico, infine, mi auguro – ha concluso la coordinatrice regionale di Forza Italia e capogruppo della Commissione Attività Produttive della Camera, che sull’argomento ha presentato una interrogazione al Presidente Consiglio e al Ministro competente – che il Governo sappia orientare al meglio il confronto con la proprietà e le parti sociali, trovando gli strumenti più idonei a tutelare il sito industriale di Terni e al contempo evitare la perdita dei posti di lavoro in pericolo.

Basta tappare le falle, è prioritario agire nella cornice di un piano nazionale di ampio respiro. Parallelamente occorrerebbe prevedere, anche in sede di Presidenza italiana dell’Ue, specifiche iniziative in ambito comunitario volte ad affrontare le problematiche delle imprese italiane del settore siderurgico, la cui crisi ha determinato un forte rallentamento dell’attività manifatturiera e quindi della domanda di acciaio nell’intero continente».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*