Umbricellum, rinviata udienza al 18 febbraio

Umbricellum, rinviata udienza al 18 gennaio
Umbricellum, rinviata udienza al 18 gennaio

Umbricellum, rinviata udienza al 18 febbraio.
“Il giudice del tribunale di Perugia ci ha concesso il rinvio dell’udienza al 18 febbraio da noi richiesto per spiegare al meglio le complesse argomentazioni a favore del ricorso e, quindi, ribattere alle altrettanto dettagliate memorie difensive. Avremo, quindi, tempo fino al 18 dicembre per controdedurre e la Regione potrà replicare entro il 18 gennaio”.

Così il coordinatore regionale di Scelta Civica, Michele Ricciardi che, in veste di legale, insieme agli avvocati Besostri e Pennino, ha presieduto alla prima udienza del ricorso presentato dal Comitato per la democrazia in Umbria contro la legge elettorale regionale.

“Abbiamo buoni argomenti per controbattere alla difesa della Regione – ha aggiunto – e, tra l’altro, abbiamo accertato che non è stato chiesto il parere del Centro pari opportunità sul testo definitivo ma bensì sull’ipotesi generale di riforma della legge quindi su un progetto generico e non sull’Umbricellum. Parere che, ricordo, è obbligatorio per legge”.

“Siamo convinti che la nostra sia una battaglia per la democrazia per archiviare una legge che è palesemente incostituzionale – ha concluso Ricciardi – perché non garantisce il diritto di voto, falsa la composizione del Consiglio favorendo la sovrarappresentazione di alcune forze politiche a danno di altre e, quindi, non offre certezze sull’esito del voto e, soprattutto, non tiene conto della volontà espressa dagli elettori nell’urna”.

Umbricellum

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*