Umbria la seconda regione nel rapporto tasse/servizi.

Blitz in un appartamento del centro storico a Perugia: trovata droga e soldi falsi

SOLDI-1024x633I dati pubblicati da quotidiano ‘Il Sole 24 ore’ di una ricerca del Centro Studi Sintesi, che ha come oggetto i miglior rapporto, a livello regionale, tasse/servizi, cioè di quanto si paga d’imposta e quanto si ottiene in servizi nelle singole regioni italiane, ci dice che la regione Marche è l’ideale del contribuente italiano, e al secondo posto c’è l’Umbria.
Un risultato molto lusinghiero per la nostra piccola regione, che assieme alle Marche, ci parla della particolarità positiva dell’Italia Mediana.
Gli indicatori presi in considerazione dalla ricerca sono: le infrastrutture, l’istruzione, la sanità, la sicurezza, l’ambiente e l’economia. In termini di qualità dei servizi l’Umbria si colloca all’ottavo posto tra le regioni e al decimo per livello di tassazione. Due parametri che in Umbria possono essere ancora migliorati attraverso ulteriori processi di semplificazione normativa, una diffusa digitalizzazione del rapporto cittadini/pubblica amministrazione e dell’economia, la riqualificazione e la razionalizzazione della spesa, ecc.
Processi di miglioramento dei servizi e di riduzione del livello delle imposte, che debbono essere posti al centro dell’agenda politica regionale, attraverso un nuovo sforzo progettuale del centrosinistra umbro ed una accelerazione dell’iniziativa amministrativa della Giunta regionale ad iniziare da un drastico abbattimento delle liste d’attesa in sanità.
In questa direzione di marcia, l’apporto de La Sinistra per Perugia non mancherà

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*