Umbria più Uguale: “Sulla scuola non si scherza! Il candidato Gianluca Schippa aderisce allo sciopero

“E’ un arretramento preoccupante soprattutto dal punto dei vista culturale” sostiene Gianluca Schippa, candidato della “Umbria più uguale” esprimendo una forte preoccupazione per le conseguenze che la riforma “La Buona Scuola” potrebbe avere sul futuro e non solo dei nostri ragazzi. Nel DDL non si trova traccia degli elementi fondanti di una buona scuola: cooperazione, scambio, saperi e conoscenza, interdisciplinarietà, formazione, contrasto alla dispersione scolastica.

Stiamo per sancire la scuola più diseguale d’Europa, una scuola in cui il rendimento scolastico dipende dalle condizioni socioeconomiche della famiglia. Un manager userà finanziamenti privati, sottostando alle esigenze dello sponsor più che dei valori educativi, sceglierà gli insegnanti, avrà poteri senza condizioni né confronti né criteri oggettivi, in una logica tutta aziendalista. Ma il mondo della scuola non può funzionare così.

E’ in atto una forzatura democratica troppo forte che merita risposte altrettanto forti e quanto più unitarie e partecipate possibile. E’ necessaria una forte presa di posizione che sappia far emergere voci diverse. Rivendichiamo la riapertura di un dibattito democratico su una nuova idea di scuola, alternativa a quella del Governo. Fermiamo il percorso del DDL e riapriamo un confronto democratico nel Paese costruito dal basso. Per una scuola pubblica, gratuita, non precaria, sicura, autogovernata, cooperativa, democratica, formativa, laica e libera, antifascista. Per questa scuola scendiamo in piazza, tutti insieme, il 5 maggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*