Primi d'Italia

UMBRIA MOBILITA’: “LA GIUNTA REGIONALE INTERVENGA PER GARANTIRE GLI STIPENDI AI LAVORATORI

Umbriamobilità

umbriamobilita(umbriajournal.com) PERUGIA – Il consigliere regionale Maria Rosi (presidente del Comitato di monitoraggio e vigilanza) interviene per chiedere all’Esecutivo di Palazzo Donini un’azione nei confronti di Umbria mobilità. Per Rosi è necessario che a tutti i dipendenti venga garantito il pagamento dello stipendio e che i diversi contratti siano uniformati. (Acs) Perugia, 29 maggio 2013 – “E’ necessario un intervento della Giunta regionale affinché Umbria mobilità garantisca lo stipendio a tutti i dipendenti. La situazione delle tante famiglie coinvolte nella crisi dell’azienda di trasporto pubblico è grave. C’è chi non può andare a lavorare perché non ha potuto pagare l’assicurazione della macchina. E ci sono altri casi simili. Essendo un’azienda partecipata dalla Regione Umbria e che gestisce soldi che provengono dalle tasche dei cittadini, le istituzioni hanno il dovere di agire”. Lo afferma Maria Rosi, annunciando che chiederà formalmente un intervento dell’Esecutivo anche attraverso un documento del Comitato di monitoraggio, da lei presieduto, che sta esaminando le problematiche dell’azienda umbra di Tpl in quanto partecipata dalla Regione.

Rosi contesta anche la trasformazione societaria in Srl: “Abbiamo già visto come questa azienda non sia riuscita, nonostante i soldi ce li abbiano messi i cittadini, a fare impresa decentemente, e si trovi adesso in una situazione di difficoltà alla quale non può far fronte tagliando le corse degli autobus o non pagando gli stipendi. Tra l’altro – aggiunge – i circa millecinquecento contratti dei dipendenti sono tutti diversi uno dall’altro, altro caos che non aiuta certo a garantire il pagamento degli stipendi”. “Insomma – conclude – nella situazione contabile e amministrativa dell’azienda c’è di tutto fuorché la trasparenza, che diventa invece indispensabile quando si usano soldi dei contribuenti e c’è di mezzo la Regione. Per questo il Comitato di monitoraggio da me presieduto continuerà a vigilare sull’operato di Umbria mobilità in questa delicata fase e ritengo sia necessario un intervento della Giunta regionale per garantire che almeno siano pagati gli stipendi”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*