UILA UMBRIA, AL CONGRESSO REGIONALE SOLUZIONI PER AGROALIMENTARE

Un momento dell'intervento di Stefano Tedeschi
Un momento dell'intervento di Stefano Tedeschi
Un momento dell'intervento di Stefano Tedeschi
Un momento dell’intervento di Stefano Tedeschi

(umbriajournal.com) by Avi News MAGIONE – Imperativo assoluto: tutela dei lavoratori. È quanto posto sul tavolo da Uila Umbria, comparto del sindacato che raccoglie uomini e donne impiegati nel settore dell’agroalimentare, in occasione del congresso regionale che si è tenuto giovedì 29 maggio all’azienda agricola Pucciarella di Villa di Magione. All’appuntamento hanno partecipato Pietro Pellegrini, Stefano Tedeschi, Daniele Marcaccioli e Pierluigi Cecchini, rispettivamente segretari di Uila Uil nazionale, regionale dell’Umbria, provinciale di Perugia e di Terni. Era presente, inoltre, il segretario regionale di Uil Umbria, Claudio Bendini. “Questi ultimi quattro anni – ha detto Tedeschi – sono stati molto importanti per la nostra categoria. Veniamo a congresso con risultati molto positivi, nonostante ci sia ancora molto da fare. Pensiamo soprattutto al lavoro nero, anche qui in Umbria presente. Per quanto non vi siano fenomeni di caporalato, esistono situazioni di sfruttamento, di lavoratori sottopagati o tenuti in condizioni non degne di un paese civile. Troviamo ridicolo che si propongano norme sul lavoro che precarizzano sempre più il futuro delle persone. Non è riducendo le tutele dei lavoratori che si possono affrontare le difficoltà, ma investendo sul lavoro”. È stato impossibile, poi, non riferirsi, durante l’assemblea, agli oltre 40mila disoccupati e ai 20mila cassa integrati complessivi dell’Umbria, come anche al necessario sostegno dello Stato a favore di questo settore specifico che occupa, in Italia, quasi tre milioni di lavoratori, fra imprenditori, dipendenti e autonomi, rappresenta il 17 per cento del Pil nazionale con un valore di 252 miliardi di euro, e traguarda 35 miliardi di euro in export, come nei dati illustrati da Tedeschi nel suo intervento introduttivo. “La situazione del settore è sicuramente di grande disagio – ha concluso Pellegrini –, pari a quella che vive tutto il mondo del lavoro e l’Italia a causa del calo dei consumi. Oggi le aziende che vivono meglio sono quelle che esportano. Pertanto se non cambiamo passo, verso la crescita, la situazione andrà a peggiorare. Bisogna attivare politiche di crescita che rimettano al centro delle problematiche del nostro Paese il lavoro per far sì che la gente, vivendo più tranquilla, con un reddito maggiore, consumi di più, facendo ripartire i mercati”. Il congresso è stata anche occasione di rinnovo delle cariche. In particolare, l’assemblea ha eletto per la segreteria regionale di Uila Umbria Stefano Tedeschi come segretario, Orlando Ruggeri come tesorierie e, come membri, Daniele Marcaccioli, Pieluigi Cecchini e Lucia Apa. Riconfermato, inoltre, come segretario territoriale di Uila Perugia Daniele Marcaccioli.

 

Maria Cristina Costanza

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*