Truffa Banca Etruria: “Vergogna”

Flamini (PRC): "Renzi e il suo governo di destra rinviano ancora i risarcimenti"

Truffa Banca Etruria: "Vergogna"

Truffa Banca Etruria, “Vergogna”

Il tribunale fallimentare di Arezzo ha dichiarato lo stato di insolvenza della ”vecchia” banca Etruria. Con questo atto dovuto dovrebbe aprirsi un fascicolo per bancarotta fraudolenta da parte della procura aretina.

Di sicuro in questo modo potranno essere appurate le responsabilità che negli anni il management della vecchia Banca Etruria ha maturato nei confronti di risparmiatori in massima parte inconsapevoli.

Renzi e il suo governo di destra hanno però deciso di rinviare i decreti relativi all’indennizzo per i risparmiatori danneggiati dal salvabanche.

Una scelta vergognosa e assurda che rimanda alle calende greche i risarcimenti per tutti coloro che hanno visto andare in fumo anni di risparmi e di sacrifici.

I risparmiatori insomma sono stati beffati due volte da Renzi, la prima con il salvabanche, la seconda col rinvio delle procedure per i risarcimenti. In questo quadro, il fondo istituito dalla Regione Umbria per sostenere una parte delle spese legali dei singoli risparmiatori è davvero una presa in giro.

Intanto se si istituisce un fondo con queste caratteristiche si ammette già la possibile presenza di una truffa; in secondo luogo siamo di fronte a risorse pubbliche che andrebbero a fare gli interessi dei soli avvocati.

La battaglia deve essere unitaria, altro che iniziative singole. E considerato il ruolo di primo piano che la Marini riveste all’interno del PD, pensiamo che la Presidente, invece di mettere in campo misure di facciata, farebbe meglio ad intervenire su Renzi per mettere fine a questo pasticcio che per tanti umbri è semplicemente una tragedia.

Truffa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*