Trasporto pubblico e pendolari, Claudio Ricci chiede potenziamento linee ferroviarie

Trasporto pubblico e pendolari, Claudio Ricci chiede potenziamento linee ferroviarie

Trasporto pubblico e pendolari, Claudio Ricci chiede potenziamento linee ferroviarie

“Raddoppio della SpoletoTerni, potenziando le correlazioni trasportistiche di Terni con Roma e Civitavecchia; raddoppio, anche selettivo, della linea ferroviaria FolignoTerontola al fine di garantire il transito di convogli ferroviari veloci a 180/200 km/h, implementando anche il servizio per il trasporto pubblico locale e i pendolari”. Queste le proposte del consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente) in relazione al nuovo Piano regionale dei trasporti 2014-2024, in discussione in Seconda Commissione, per quanto attiene alle priorità legate al trasporto ferroviario. Per Ricci, “in questo ambito è essenziale la previsione della nuova stazione in prossimità dell’aeroporto di Perugia, anche per creare un ‘centro intermodale’ comprendente aeroporto, stazione e connessione con le strade della quadrilatero Umbria-Marche, verso il mare Adriatico, nonché le correlazioni con il nodo di Perugia, variante alle gallerie, sull’itinerario Corciano, Madonna del Piano e Collestrada”. Sul tema dell’alta velocità ferroviaria, Claudio Ricci pur condividendo “il potenziamento della Roma-Ancona”, evidenzia “la necessità di creare una connessione con il centro dell’Umbria (Perugia) nonché utilizzare, sulle linee esistenti, treni veloci (Trenitalia Etr e Ntv-Nuovo traffico viaggiatori Italo). Da questo punto di vista – spiega – si confermano, come più volte ribadito, le forti perplessità e la contrarietà di prevedere solo la stazione ad alta velocità ‘Media Etruria’ in Toscana, in località ancora da definire, mentre andrebbe fatto, almeno, il progetto preliminare, per valutarne fattibilità e costi, della variante ferroviaria, Roma-Ancona, al fine di intercettare anche le aree dell’Eugubino-gualdese e del Perugino-Assisano in cui vivono circa 400mila persone”.

pendolari

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*