Tk-Ast, Leonelli, “Siamo soddisfatti”

PERUGIA – Il segretario regionale del Pd Umbria Giacomo Leonelli esprime “soddisfazione per l’esito per nulla scontato della lunga trattativa tra istituzioni e vertici di Thyssen Krupp sul futuro delle acciaierie ternane”. “Credo – dice Leonelli – che vadano particolarmente evidenziate la forza, l’autorevolezza e la determinazione con la quale il Governo Renzi ha condotto l’incontro con l’effetto di aver determinato in capo alla Tk la riscrittura del piano industriale recentemente presentato”.

“Si è data a una crisi terribile e a prospettive agghiaccianti per la nostra regione una prima risposta forte e concreta, senza slogan né folklore, che riaccende la speranza per il futuro della produzione dell’acciaio a Terni e in Umbria.

La riscrittura del piano da parte dei vertici Tk, l’istituzione di un tavolo nazionale e l’allontanamento del maggiore pericolo, quello occupazionale, rappresentano un risultato importante, figlio soprattutto di una strategia condivisa e mirata a difendere le prospettive produttive e occupazionali della regione, nella consapevolezza che Ast è parte fondamentale del nostro patrimonio industriale”.

“Per quello che ci riguarda – secondo Leonelli – l’impegno del Pd Umbria è stato fin dai primi giorni quello di contribuire, insieme alle istituzioni locali, a dare alla vertenza Ast un profilo nazionale allontanando l’idea che si trattasse di una crisi solo ternana o solo umbra e in questo senso ci siamo sin da subito mobilitati con la segreteria nazionale”.

“Allo stesso tempo – aggiunge il segretario – la città di Terni, colpita duramente, ha saputo reagire con determinazione e responsabilità, portando avanti una mobilitazione dura e di grande coesione”.

“Ora – conclude Leonelli – si apre una fase nuova, che vedrà, come successo fino ad oggi, la nostra massima attenzione e il nostro massimo impegno in un confronto che resterà serio e serrato anche nelle prossime settimane e che ci chiama tutti, partiti, istituzioni, sindacati, ciascuno per le proprie competenze, alle proprie responsabilità, con spirito di coesione e intelligenza”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*