Terremoto, Galgano (CI): danno indiretto, busta pesante e promozione corretta per rilanciare il turismo

Terremoto, Galgano (CI): rilanciare turismo per far ripartire economie locali

Terremoto, Galgano (CI): danno indiretto, busta pesante e promozione corretta per rilanciare il turismo

“E’ un’ottima notizia l’approvazione dell’ordine del giorno al decreto terremoto che ho presentato per rilanciare il turismo nelle regioni del Centro Italia colpite dagli eventi sismici e per favorire il ritorno dei turisti già a partire dalle prossime festività natalizie nelle aree che non sono state direttamente interessate dalle scosse ma che, purtroppo, ne hanno subito gli effetti tanto quanto quelle danneggiate. Un passo importante per far ripartire l’economia dei nostri territori”. Così Adriana Galgano, deputata del gruppo Civici e Innovatori, commenta l’approvazione dell’odg al decreto terremoto che impegna il Governo ad attuare una serie di misure specifiche per il settore turistico.

“Nel testo, in particolare – spiega la parlamentare – ho chiesto di riconoscere alle aziende del settore il danno indiretto costituito da un sostanziale decremento del loro volume d’affari in relazione al terremoto, di incentivare le imprese situate in aree sismiche a stipulare assicurazioni contro i rischi connessi ai terremoti e di istituire la cosiddetta ‘busta paga pesante’ e cioè un intervento che consentirebbe ai lavoratori colpiti dal sisma di poter usufruire dello stipendio al lordo delle imposte. Inoltre – continua Galgano – l’odg impegna il Governo a promuovere l’attività turistica nelle quattro regioni colpite dal sisma con campagne sui principali mezzi di comunicazione per sensibilizzare i turisti a recarsi in località non direttamente colpite dal terremoto già durante le festività natalizie. Infine – conclude la deputata – ho sollecitato l’Esecutivo ad attivare la Rai, nell’ambito del servizio pubblico che le è proprio, per girare trasmissioni che ristabiliscano la correttezza dell’informazione e promuovano la bellezza di questi territori”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*