Terni, M5s, Thyssen Krupp, 5 anni di ritardi per il riciclo scorie

I consiglieri del Movimento 5 Stelle: “si continuano a seppellire centinaia di migliaia di tonnellate di materiali carichi di oli minerali, metalli pesanti"

Terni, M5s, Thyssen Krupp, 5 anni di ritardi per il riciclo scorie

Terni, M5s, Thyssen Krupp, 5 anni di ritardi per il riciclo scorie

TERNI – “La Giunta di Palazzo Donini spieghi se la Thyssen Krupp ha intenzione di pubblicare l’esito del concorso internazionale bandito per lo smaltimento delle scorie della discarica di Pentima/Valle e chiarisca perché la Regione Umbria non si sia ancora mai costituita parte civile nei procedimenti giudiziari legati alla condizione ambientale e sanitaria determinato o co-determinato da Thyssen”.

Lo chiedono i consiglieri regionali Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari (M5S), in una interrogazione a risposta immediata di cui annunciano la presentazione. Nell’atto ispettivo, i due esponenti dell’opposizione spiegano che l’intervento della Regione “equivarrebbe a difendere visibilmente e con forza anzitutto i lavoratori, le loro famiglie e la legge anziché, ideologicamente, una multinazionale che da decenni investe poco e male sulla sostenibilità, come dimostrano inequivocabilmente anche analisi certificate di rango nazionale e internazionale”.

Liberarti e Carbonari rilevano che “stando al report Legambiente 2017 sui crimini ambientali, nel 2016, in Umbria, i relativi reati accertati dalle Forze dell’Ordine sono cresciuti del 160 per cento. Tra i principali problemi ambientali umbri spicca la discarica industriale ‘colabrodo’ di Terni (Pentima/Valle), che generalmente riceve ogni anno una quantità di rifiuti siderurgici (circa 400mila tonnellate), all’incirca pari a tutti quelli residenziali prodotti nell’Umbria intera. Stando all’A.I.A. 2010 assentita a Thyssen Krupp, entro il 2012 sarebbe scaduto il termine per individuare una soluzione all’annoso problema del recupero delle scorie siderurgiche.

Nel frattempo la discarica di Pentima/Valle, autentica bomba chimica già fonte di ampia e accertata contaminazione delle falde sottostanti, continua a riempirsi di rifiuti fortemente pericolosi, il tutto ad appena 1,5 km dalla Cascata delle Marmore”. I consiglieri del Movimento 5 Stelle aggiungono infine che “si continuano a seppellire centinaia di migliaia di tonnellate di materiali carichi di oli minerali, metalli pesanti (incluse ingenti ‘dosi’ di cromo VI)” mentre nel 2015 l’allora Amministratore delegato di AST-TK annunciò che “entro gennaio 2016 sarebbe stato pubblicato il bando per il recupero delle scorie, che avrebbe dovuto essere aggiudicato entro il novembre dello stesso anno”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*